DEVOZIONE ROVIGO Il ritratto di papa Giovanni Paolo II tracciato dal vescovo Lucio Soravito de Franceschi

Spalancate le porte a Cristo

Lucio Soravito De Franceschi Vescovo di Adria e Rovigo
FIERA D'OTTOBRE

Il vescovo Lucio Soravito de Franceschi ha incontrato papa Giovanni Paolo II più volte. Di lui sottolinea la forza e la tenacia con cui ha svolto per 27 anni il proprio apostolato. Non si è fermato davanti alle sofferenze fisiche che hanno segnato la sua vita, dall'attentato del 1981, al tumore all'intestino. Lo ricorda come un grande comunicatore al passo con i tempi


Rovigo - "E' stato un Papa che ha saputo davvero parlare al mondo. Si faceva ascoltare creando un interesse particolare soprattutto tra i giovani". E' l'autorevole voce del vescovo Lucio Soravito de Franceschi a tracciare il profilo di Giovanni Paolo II, che sarà beatificato domenica 1° maggio a Roma da papa Benedetto XVI.

Il vescovo della diocesi di Adria e Rovigo ha incontrato papa Wojtyla diverse volte, a Roma quando è stato ordinato, a Udine nel 1992 quando Giovanni Paolo II ha fatto il giro delle quattro diocesi del Friuli Venezia Giulia.
Era un uomo instancabile, che su molte cose ha saputo precedere i tempi. "Ricordo in particolare il ruolo che ha avuto nella liberazione dell'Europa dell'est dal regime comunista - spiega il vescovo Lucio Soravito -. E' sempre intervenuto per affrontare i problemi umani, dal lavoro, alla famiglia, alla lotta alla mafia".

Se da una parte è stata la forza e la capacità comunicativa ad avvicinare papa Giovanni Paolo II alla gente, l'altro aspetto che il vescovo Soravito de Franceschi sottolinea è che "ha saputo affrontare con occhi di cristiano le sofferenze fisiche, a partire dall'attentato del 1981". A tal proposito racconta un aneddoto. "Quando è venuto a Gemona, nel maggio del 1992, 16 anni dopo il terremoto in Friuli, aveva un volto tirato e sofferente. In quell'occasione ha incontrato oltre 10 mila giovani e 40 mila cittadini. Pochi giorni dopo il suo segretario, il cardinale Stanisław Dziwisz, ci ha riferito che aveva un tumore all'intestino". E dopo il tumore gli è stato diagnosticato il morbo di Parkinson. "Quello che mi ha colpito di lui - prosegue il vescovo - è stata la sua tenacia a fare il papa con passione, dinamismo e sapendo di essere al passo con i tempi".

La sua capacità di comunicare si è vista dalla quantità di documenti che ha lasciato alla comunità: 13 encicliche, varie esortazioni apostoliche, il messaggio per il Giubileo del 2000. Ma qual è il messaggio più importante secondo il vescovo? "Senza dubbio - risponde - è la frase con cui ha aperto il suo apostolato nel 1978, ovvero il leit motiv che lo ha accompagnato per 27 anni. Non abbiate paura, aprite, anzi spalancate le porte a Cristo".

Di lui tutti ricordano l'impegno a difesa della vita fin dalla fase embrionale, della dignità della persona, dell'onestà e della giustizia, della solidarietà agli immigrati, della libertà dell'uomo rispetto al comunismo dell'est europeo e al consumismo dell'ovest. "Non va dimenticato - conclude il vescovo Lucio Soravito - che ha istituito le giornate mondiali della gioventù".

L'appuntamento con la cerimonia di beatificazione di papa Giovanni Paolo II è domenica 1° maggio alle 10 in mondovisione su Rai2 in diretta da piazza San pietro. Ci saranno un milione di fedeli.

Elisa Barion
29 aprile 2011




CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA

Correlati:

IL POZZO MAGICO