FILM ROVIGO Ad agosto iniziano le riprese di "Wrath of the Crows", l'ultimo horror del regista polesano Ivan Zuccon

La paura abita qui

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo

Cast internazionale per il nuovo film horror di Ivan Zuccon, regista di Santa Maria Maddalena (Ro), molto apprezzato all'estero. Il titolo della pellicola è "Wrath of the Crows" ed è la settima fatica del cineasta di Santa Maria Maddalena (Rovigo). Le riprese iniziano ad agosto in Polesine e dureranno 5 settimane. Tra gli attori anche il rodigino Matteo Tosi


Rovigo - Ivan Zuccon noto regista di Santa Maria Maddalena (Rovigo), dopo i successi internazionali ottenuti con i film horror "Bad Brains" e "Colour from the Dark" torna a girare un nuovo film in inglese. Con "Wrath of the Crows" dà inizio al suo settimo film.
Ancora una volta Zuccon ha scelto di ambientare le sue storie nell’affascinante ed intrigante Polesine, le cui location vengono apprezzate in tutto il mondo grazie ai suoi lavori. Nonostante la poca attenzione da parte dell’Italia per le sue produzioni, Zuccon è uno dei filmaker di genere più apprezzati soprattutto negli Stati Uniti. Il cast del nuovo film è a dir poco stellare: tra le protagoniste Deebbie Rochon e Tiffany Shepis regine dell’horror mondiale accanto a Tara Cardinal, Suzi Lorraine, Domiziano Arcangeli, Gerry Shanahan e Brian Fortune. Zuccon non ha voluto privarsi dei propri attori "feticcio": l’italo-israeliano Michael Segal, Emanuele Cerman e il rodigino Matteo Tosi interprete di Mirco in "Bad Brains" e di father Mario in "Colour from the Dark".

"Wrath of the Crows" sarà prodotto da Ivan Zuccon e Roberta Marrelli, mentre la sceneggiatura è stata scritta dallo stesso regista e Gerardo Di Filippo e gli effetti speciali sono stati affidati alla Crea Fx. Le riprese sono programmate per agosto e dureranno per 5 settimane.
"La notizia che un nuovo horror “zucconiano” vedrà la luce non può che farci piacere - commenta l'attore Matteo Tosi - Nella speranza che ancora una volta un prodotto made in Polesine raggiunga ogni angolo del pianeta con grande successo".

La storia si svolge in una sudicia e angusta prigione dove i detenuti devono sottostare alle ingiustizie perpetrate dal capo delle guardie e dai suoi aguzzini. Al di sopra di tutti e tutto, però, c’è "Il Giudice", che nessuno ha mai visto, ma che impone le leggi da rispettare e che è temuto sia dai detenuti che dalle guardie. I prigionieri sanno come devono comportarsi, quali sono le regole da seguire ma non ricordano nulla delle loro vite fuori dalle mura di quella che in realtà è una fortezza. L’unica cosa che ricordano, e che emerge pian piano nel corso della storia è il male commesso per arrivare in quel luogo. Come apparsa dal nulla un nuovo prigioniero si aggiunge alla compagnia: Principessa. È una bellissima donna vestita soltanto da una pelliccia di piume di corvo, luccicante, profumata, calda. Il nuovo arrivo suscita la curiosità degli altri prigionieri, ma anche invidia, sospetti e profondi turbamenti sessuali. Principessa impiega poco a rivelare la propria natura oscura e soprannaturale, muove gli oggetti col pensiero, ed è dotata di una forza sovrumana. La fuga è un sogno per i prigionieri che non sanno cosa ci sia al di là delle mura, e nemmeno gli interessa: l’importante è fuggire da quel luogo maledetto. Nemmeno le crude immagini di un incubo proiettato oltre le finestre delle celle li spinge a desistere dal proposito di fuggire, ma non si può fuggire dal passato né da se stessi. Ben presto infatti si scoprirà che l’intera prigione non è altro che un allucinante gioco di specchi, dove la realtà si confonde con l’illusione e dove gli incubi si tramutano in realtà.

Marco Scarazzatti
28 luglio 2011
rovigooggi.it informazione che non ti pesa 468x60




Correlati:

  • Quando in Polesine nacque il cinema

    FILM ROVIGO A partire dal 23 marzo in città si potrà vedere il cortometraggio “L’Isola che c’era” di Alberto Gambato. che racconta le genesi di "Scano Boa"

  • Film e vino: quattro appuntamenti da assaporare

    L’EVENTO LENDINARA (ROVIGO) Il 23 febbraio parte il nuovo Cineforum “Profumi di vini”: un percorso cinematografico che coinvolge tutti i 5 sensi. Degustazioni e film gratuiti in Cittadella della Cultura

  • La troupe di De Laurentis incontra la pittura: magia

    CULTURA PORTO VIRO (ROVIGO) Nel tour per la realizzazione del film “Sensazioni”, il Tpo ha fatto tappa di fronte alle opere della famosa pittrice Grabriella Dumas, con la quale hanno girato una scena e una puntata televisiva

  • Una storia che stringe l’anima, ambientata nel Delta

    FILM PORTO TOLLE (ROVIGO) Ancora una volta, il Delta del Po diventa a perfetta scenografia del regista Ferdinando De Laurentis al lavoro, questo week end tra Ca’ Tiepolo, la Sacca di Scardovari e la foce del Po di Gnocca

  • Il cinema in centro piace, ma non abbastanza

    SALA DON BOSCO ROVIGO Prima impressione confermata: tante pretese ma bassa partecipazione. Solo 960 gli spettatori in 12 proiezioni. Cambia la programmazione, cancellati Ferdinand e Assassinio sull’Orient express

  • A Natale i film si guardano al Don Bosco

    CINEMA IN CENTRO ROVIGO Dopo l'incendio che ha messo fuori uso il Cinergia, arriva l'alternativa tanto richiesta: una sala da 370 posti con una programmazione tutta di "prime visioni" al costo di 6 euro

  • Ciak si gira. Nella magia del Delta

    IL FILM BASSOPOLESINE ROVIGO Domenica 17 dicembre prendono il via le riprese del lungometraggio del Tpo, col regista Ferdinando De Laurentis

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento