POLESINE DA SCOPRIRE A Fratta Polesine la Badoera di Palladio, patrimonio dell'Unesco, ha dettato le regole urbane e architettoniche dell'impianto abitato

Un salto nell'800 nella città delle ville

Villa Avezzù
Villa Badoer
Il Municipio
Musikè fondazione cariparo 730x90

Quando le nebbie rendono triste la pianura non si ha più il desiderio dei viaggiare. I freddi impigriscono e si cerca il tepore del camino: in poltrona, a pancia all'aria, si gustano le castagne arroste e il sorseggia il vino rosso novello. La proposta è di approfittare della pausa dell'autunno avanzato per conoscere il  territorio che ci ospita, prima di andare a sciare in montagna o di fare la crociera ai Caraibi. Una delle mete più interessanti che offre la provincia di Rovigo è Fratta Polesine: il piacere della scoperta

 


 

Fratta Polesine è un piccolo comune del medio Polesine a pochi chilometri da Rovigo. 

Quando il visitatore arriva a Fratta percepisce subito di essere arrivato in un posto speciale: è un salto indietro nel tempo. L'impianto urbano, le numerose “Ville venete” (Villa Badoer, Villa Loredan-Molin ora Avezzù, Casa Campagnari ora Municipio, Villa Oroboni, Villa Cornoldi, Villa Dolfin, Casa Matteotti, Palaozzo Monti la casa dei Carbonari, Villa Labia), le chiese romaniche e barocche (la Chiesa dei SS.AA. Pietro e Paolo, la Chiesa di San Francesco) e la riviera lungo il canale Scortico sono rimasti quelli di fine ottocento.

Gli storici affermano che Fratta sia sorta molto prima della nascita di Cristo: una ipotesi avvalorata dalle scoperte archeologiche fatte in località Frattesina, i cui insediamenti di popolazioni paleovenete risalgono tra il XII° e il X° secolo a.C..

Le prime notizie documentate risalgono al 1054 quando Fratta apparteneva al feudo del vescovo di Adria, Benedetto I°. Ai vescovi seguirono i domini dei Veronesi e degli Estensi fino al 1395, quando Fratta passò sotto la Repubblica di Venezia. Con il Congresso di Vienna del 1815 passò sotto la dominazione e vi rimase fino al 1866.

In questo periodo, Fratta visse la vicenda dei Carbonari, una delle più gloriose e dolorose del Risorgimento, che apri le porte dello Spielberg ai “Carbonari della Fratta”. Ogni anno, 2° sabato di Novembre, a Fratta Polesine si celebra il ricordo dei patrioti con una sfilata in costume.  In questo piccolo Comune della pianura polesana ebbe i natali Giacomo Matteotti, ucciso dai fascisti il 10 giugno 1924, per le sue idee di democrazia e giustizia sociale: una storia che merita di non essere dimenticata.


L'edificio che sintetizza l'arte, la storia e la cultura di Fratta Polesine è Villa Badoer, detta “La Badoera”, dell'architetto vicentino Andrea Palladio, costruita nel 1570, dichiarata “Patrimonio  dell'Unesco”. La villa in stile neoclassico è decorata all'interno e nel pronao con le grottesche del Giallo Fiorentino, riportate alla luce con i lavori di restauro compiti dall'Istituto regionale Ville Venete. Si può visitare nei giorni di giovedì, sabato e domenica con orario 10-12 e 15,30-18,30. Nella barchessa di destra di Villa Badoer, si trova il Museo archeologico nazionale di Fratta Polesine. Un museo molto ben allestito che espone, anche dal punto di vista didattico, i reperti archeologici del villaggio paleoveneto di Frattesina, che risalgono al periodo del “Bronzo finale” in Europa XII-X secolo a.C. (sba.ven.museofratta@beniculturali.it).   

COME ARRIVARE A FRATTA POLESINE - Si raggiunge facilmente con l'automobile percorrendo la superstrada Transpolesana Rovigo - Verona o dalla provinciale Rovigo–Lendinara passando per Villanova del Ghebbo, entrambe collegate all'autostrada A4 Venezia- Bologna (caselli di Rovigo Sud- Villamarzana e di Rovigo).


DOVE MANGIARE - Quando si si va a Fratta non si può non assaggiare la cucina tipica locale: ristorante “A.Palladio”, ristorante “Villa Gardenia”, agriturismo “La Frattesina”.

 

Giovanni Boschetti 

17 dicembre 2011
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe