BASKET MASCHILE SECONDA DIVISIONE L’Ascaro Rovigo perde contro il Cartura per 61-52. Gli ospiti, sempre avanti nel punteggio, reggono il ritorno dei polesani

Reazione tardiva

L'Ascaro Basket Rovigo
UNIVERSITA' FERRARA Ingegneria

Dopo la buona prestazione di domenica, l’Ascaro Rovigo inciampa in uno stop interno inatteso. Il Cartura mette al tappeto i polesani sin dal primo quarto imponendosi per 61-52.

 

Rovigo – Una rondine non fa primavera, è proprio il caso di dirlo: se domenica scorsa l’Ascaro vittorioso col Pontelongo era sembrata una squadra rinvigorita nonostante l’inconsueto orario di partita mattutino, nell’incontro di ieri il passo indietro è stato notevole.

La formazione come di consuetudine presentava parecchie defezioni, questa volta in particolare nel delicato ruolo di coloro che giostrano sotto canestro: in contumacia a Chiarion e Marsiglio, il reparto veniva presidiato dai soli Siligardi, Trivellato e Zamboni. Al contrario la formazione ospite si mostrava al gran completo rispetto all’andata, schierando anche le possenti torri Covelli e Magagna che si aggirano attorno ai due metri d’altezza. Cartura quindi, sfruttando il gap fisico e l’esperienza dei suoi numerosi veterani iniziava subito a dare il suo imprinting alla gara, non sbagliando tiri aperti e facendo il vuoto sotto le plance, come testimoniato dal 9 a 16 al termine del primo quarto di gioco. Nel periodo successivo la partita sembrava ancora essere in pieno controllo della formazione ospite, ma verso la fine del quarto grazie ad una buona difesa pressing l’Ascaro riusciva a ricucire lo strappo riportandosi sul meno sette a fine primo tempo. Peccato che nella ripresa il Cartura prendesse nuovamente in mano le redini dell’incontro, col team rodigino ancora una volta difettoso di continuità, in cui solamente per una breve frazione del quarto periodo sembrava riuscire a recuperare: tutto ciò si è rilevato essere solamente un’illusione, col Cartura che metteva definitivamente l’Ascaro al tappeto col punteggio finale di 61-52.

Ora all’Ascaro aspettano due ultimi incontri per cercare di terminare degnamente la stagione.

 

 

ASCARO BASKET - CARTURA  61-52

PARZIALI

9 – 16, 14 – 14, 12 – 15, 17 – 16.

ASCARO BASKET: Baratella 4, Lucchetta, Maestri 2, Trivellato 12, Agnoletto 11, Maltarello, Coppo, Iacobellis 15, Siligardi 4, Zamboni 4, Giacca, Bazzo ne.

CARTURA: Venturini 5, Brombin 4, Menorello 2, Naliato 2, Roncon, Covelli 7, Meneghesso 2, Gazziero 1, Viel ne, Magagna 25, Vergani 13.

19 aprile 2012




CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA

Correlati:

  • Allenamenti ripresi per la palla a spicchi

    BASKET FEMMINILE La Rhodigium ai nastri di partenza per la stagione 2014-2015. Al via i corsi di minibasket che si tengono lunedi, mercoledi e venerdi pomeriggio dalle 16 e 30 alle 17 e 30

  • L'obiettivo è mantenere il prestigio e crescere con i giovani

    BASKET PROMOZIONE La Pallacanestro Delta si presenta ufficialmente. Importante progetto scuola nei comuni di Porto Tolle e di Taglio di Po

  • Arrivato un nutrito gruppo proveniente dal Canossa Cavarzere

    BASKET MASCHILE PROMOZIONE La Pallacanestro Delta ha ripreso le attività sportive con la prima squadra che l’anno scorso ha conquistato un meritato passaggio di categoria

  • Non ci si è fatto mancare proprio niente

    BASKET Al camp estivo di Borgo Valsugana in provincia di Trento molti atleti polesani hanno passato una settimana indimenticabile

  • A scuola con la campionessa

    BASKET FEMMINILE Nel mese di luglio, prima di iniziare la preparazione con la nuova squadra, Giulia Pegoraro, cestista di livello nazionale, si è resa disponibile per un ciclo di allenamenti rivolti alle atlete rodigine

  • Movimento in crescita

    BASKET Festa di fine anno e assemblea dei soci della Rhodigium. Significativi i numeri dell’attività della società che al quarto anno dalla sua costituzione coinvolge un’ottantina di atlete e miniatleti

  • Terzo posto per le polesane

    BASKET FEMMINILE UNDER 17 La Rhodigium nella settimana di Pasqua inoltre ha partecipato per il quarto anno al Torneo Internazionale di Vienna, podio alla final four di Carré (Vi)

Mobilificio Pavarin