SOCIETA’ PARTECIPATE ROVIGO Asm spa contro le ditte private di pompe funebri. Ricorrerà alle azioni legali contro le affermazioni mendaci sui servizi cimiteriali

Funerali, per l'impresa pubblica non cambia niente

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Asm onoranze funebri srl continuerà ad operare sul mercato in concorrenza alle imprese private perché il Tar Veneto non può intervenire sui suoi atti societari. Il cda di Asm spa, che detiene il 90% delle quote della srl, chiarisce che le sentenze del Tar Veneto impone ai privati di pagare 120mila euro per i servizi cimiteriali. Inoltre, benché il Tar abbia annullato la delibera di consiglio comunale che ha costituito la srl, lo stesso Tar comunque non può intervenire negli atti della società controllata


Rovigo - La guerra tra Asm spa e le imprese funebri private è sempre più aspra. L’indomani della riunione del cda della municipalizzata, presieduto da Giovanni Salvaggio, lo stesso cda interviene per fare chiarezza sulla questione che coinvolge Asm onoranze funebri srl e per annunciare che la spa “agirà a livello amministrativo e giudiziario, contro qualsiasi affermazione mendace, a tutela della correttezza, efficienza ed universalità del lavoro svolto dal servizio di Polizia mortuaria e dal servizio cimiteriale”.
Una cosa comunque è chiara e la nota del cda della spa la sottolinea: “Asm onoranze funebri con i suoi lavoratori, continuerà a svolgere nel libero mercato la propria attività in maniera efficiente, calmieratrice, eticamente corretta, costituendo un patrimonio della città ed essendo - guarda caso - leader nella sua città e nelle località dove si è espansa”.

Quanto alle affermazioni dell’avvocato Giovanni Daniele Toffanin, legale delle ditte private (leggi articolo), la nota di Asm chiarisce “l'unico dato certo e sostanziale delle diverse pronunce del Tar (sentenze 168, 169, 170 e 171 del 2013) resta e rimane la condanna delle somme dovute, circa 120mila euro ad Asm spa oltre alla condanna alla refusione delle spese legali, inflitta alle ditte ricorrenti per diritti di polizia mortuaria e per operazioni cimiteriali stabiliti da delibere ed atti comunali che il Tar ha ritenuto perfettamente legittimi”.

Dunque, secondo il cda di Asm spa, la condanna più pesante è stata inflitta ai privati, che dovranno pagare alla spa 120mila euro per i servizi cimiteriali erogati. Per quanto riguarda lo scorporo societario di Asm onoranze funebri nella srl le cui quote sono detenute per il 90% dalla spa, la nota spiega: “La prima sentenza riguarda la società, le altre tre riguardano le opposizioni ai decreti ingiuntivi già emessi a favore di Asm spa nei confronti delle società Giuseppe Cipriani, Ferrari onoranze funebri e Centro servizi funebri rodigini. Il Tar, in realtà, ha accolto solo la domanda di annullamento della delibera del consiglio comunale (quella che ha dato l’ok allo scorporo) ma ha espressamente dichiarato che nulla può disporre in ordine agli atti societari e quindi, nulla varia in ordine all’operatività della società Asm onoranze funebri. Non è infatti intervenuta alcuna pronuncia “inibitoria” che, tantomeno, coinvolge il Comune di Rovigo ad adottare a riguardo alcuna misura “impeditiva” all’esercizio dell’attività”.

20 febbraio 2013
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017