BASKET MASCHILE UNDER 17 Riccardo Trevisan, figlio di Sandro e di Ambra Bovolenta, sorella dell’indimenticato Vigor, si è laureato campione regionale con l’Umana Reyer Venezia

Una famiglia di fuoriclasse

Riccardo Trevisan (in alto a destra) con i compagni della Reyer Venezia campioni regionali Under 17
IL POZZO MAGICO

Riccardo Trevisan (foto a lato) partito qualche anno fa con destinazione Bologna, dopo aver giocato nelle giovanili della Pallacanestro Delta, in terra felsinea ha maturato la sua esperienza tecnico-fisica per approdare poi nelle giovanili della Reyer Venezia, società che milita in serie A1. Quest’anno il giocatore di Taglio di Po si è tolto la soddisfazione di vincere anche il titolo regionale di categoria.


 

 

Taglio di Po - E’ tornato nella sua Taglio di Po da vincitore Riccardo Trevisan, campione regionale con l’under 17 dell’Umana Reyer Venezia, tutto ciò a dimostrazione che buon sangue non mente, figlio di Sandro e di Ambra Bovolenta, sorella dell’indimenticato Vigor, pluricampione della pallavolo nazionale. E’ partito qualche anno fa Riccardo con destinazione Bologna, dopo aver giocato nelle giovanili della Pallacanestro Delta, in terra felsinea ha maturato la sua esperienza tecnico-fisica più importante, per approdare poi nelle giovanili della Reyer Venezia, società che milita in serie A1.

La conferma del titolo regionale è arrivata sotto la guida di Alberto Zanatta, erano anni che non si assisteva ad un campionato under 17 così avvincente ed equilibrato, con ben quattro formazioni sempre in lizza per la conquista del titolo finale. Riccardo Trevisan compirà 17 anni il prossimo quattro luglio ed è ormai un veterano della squadra, composta da gran parte di ragazzi del 1997, gruppo che ha vinto lo scudetto la scorsa stagione. Alle spalle dei reyerini del tagliolese Riccardo si sono classificate squadre del calibro di Treviso, Padova e Mestre stessa. Grazie a questa vittoria Riccardo e compagni  hanno ottenuto l’accesso diretto alla fase interzona che si disputerà dal 10 al 12 maggio nelle Marche, a contendersi il titolo oltre a Venezia, ci saranno Pistoia, Perugia e la vincente tra lo spareggio Reggio Calabria – Rieti. La provincia di Rovigo, e Taglio di Po in particolare, si dimostra ancora una volta fonte di talenti naturali, Riccardo, alto due metri e quattro centimetri, fisico che si sta irrobustendo, sarà sicuramente protagonista nel futuro del basket veneto.

 

 

 

 

19 aprile 2013




CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA

Correlati:

  • L’Europa puo’ far bene ai Bersaglieri

    RUGBY EUROPEAN CHALLENGE CUP Sabato al Battaglini arriva il Cardiff Blues, uno squadrone con budget dieci volte superiore a quello della FemiCz Rovigo. Ma i soldi non sono tutto nello sport, l’abitudine a certi livelli non si compra, si allena

  • Tutto fumo e niente arrosto

    RUGBY ECCELLENZA La Fir costretta ancora a pagare per le dirette del massimo campionato italiano. Nel comunicato ufficiale il presidente Fir Alfredo Gavazzi si dichiara soddisfatto, ma la realtà è che alla Rai della pallovale importa poco

  • Buone prestazioni dei polesani

    RUGBY GIOVANILE Nei gironi Elite le squadre della Rovigo Delta Monti Junior Rovigo conquistano successi importanti con l’Under 18 ed Under 16. Battuta d’arresto per l’Under 14 contro il Petrarca Padova

  • Battesimo con riscontri positivi

    RUGBY A 7 FEMMINILE Esordio per le Birbe del Biscopan Badia. In campo Under 14 e 1

  • Gap troppo evidente

    RUGBY EUROPEAN CHALLENGE CUP La FemiCz Rovigo domenica ha perso contro i London Irish, ma comunque non ha mollato. Punteggio pesante (70-14), mete rossoblu di Luke Mahoney ed Andrea De Marchi

  • L’anno della verità

    RUGBY AZZURRO Al via il raduno dell’Italia che porterà ai mondiali. Trenta i convocati da Jaques Brunel, importanti rientri di Simone Favaro, Luca Morisi, Francesco Minto ed Alessandro Zanni

  • Qualche errore di troppo costa caro all’Amatori

    RUGBY SERIE A Il Badia ha perso 27-35 contro un Tarvisum più cinico ed efficace nei momenti delicati del mactch. Direzione di gara non proprio all’altezza che condanna in più occasioni i padroni di casa