ELEZIONI COMUNALI 2013 PORTO TOLLE (ROVIGO) Il candidato sindaco della lista Progressisti moderati Claudio Bellan contro il “tradimento” di Roberto Pizzoli e Silvana Mantovani: “Un atto di miseria politica”

Parole di fuoco per gli "opportunisti voltagabbana"

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Il candidato sindaco del centrosinistra, Claudio Bellan, appoggiato dalla lista Progressisti moderati, dopo 15 giorni dalle elezioni primarie vede frantumarsi la coalizione che dovrebbe sostenerlo. Silvana Mantovani e Roberto Pizzoli hanno rotto l’accordo e sono approdati al centrodestra. E Bellan senza mezzi termini ne etichetta il comportamento come “una vergogna per Porto Tolle”


Porto Tolle (Ro) - Un atto di miseria politica che gli elettori sapranno giudicare in modo  imparziale. E’ il candidato sindaco Claudio Bellan ad intervenire, sabato 20 aprile, per commentare la decisione di Silvana Mantovani e Roberto Pizzoli di rompere l’accordo con il Pd ed il centrosinistra e siglare un nuovo accordo con il Pdl (leggi articolo).
Secondo Mantovani, il motivo che ha scatenato il caos all’interno della coalizione al punto da essersi frantumata sarebbe proprio Bellan a cui contesta un comportamento incoerente e e una ricetta per il rinnovamento che definisce “ridicola”.
Bellan, nel giro di poche ore, ha visto da una parte frantumarsi la coalizione che lo sosteneva, dall’altra ha visto uno dei propri rivali, Pizzoli, rendersi disponibile a candidarsi a sindaco per il centrodestra.

Ecco quindi che il candidato sindaco si scaglia contro Mantovani e Pizzoli e senza mezzi termini afferma: “Leggere le falsità dei socialisti e l'incoerenza del candidato Pizzoli, etichetta Porto Tolle nella vergogna. Non esistono più regole, poi ci si stupisce se i giovani rigettano la politica. Partecipare alle primarie con una coalizione, impegnarsi alla vigilia delle primarie di accettare il giudizio dei cittadini, oltre 2000, impegnare gli elettori sottoscrivendo l'impegno verso la lista, per poi chiedere fiducia per altre liste, è un'atto di miseria politica. Questi signori, Mantovani e Pizzoli, si sono impegnati inoltre a sostenere il candidato a sindaco che risultava vincente, per poi saltare dall'altra parte sul carro del Pdl solo per la voglia di protagonismo e di sedia”.

Sulla ricetta del cambiamento etichettata come “ridicola” Bellan replica: “Ricordiamo che la politica è servizio civico alla comunità, non una professione, dopo 10 anni di giunta è giusto dare spazio a nuove risorse. I cittadini siano attenti giudici di questa vergogna, le falsità dei socialisti che mi accusano di voler fare eventualmente il doppio mandato, (sindaco e assessore provinciale), quando avevo garantito che il mio impegno sarà solo per Porto Tolle, sono il frutto di giustificazioni per nascondere il loro vergognoso comportamento. La mia lista sarà caratterizzata da un profondo rinnovamento soprattutto nell'eventuale esecutivo e a chi da trapezista è saltato su un'altro carro, con la volontà di sostituire la politica ad un lavoro, rispondiamo che gli elettori saranno giudici imparziali, per chi ha deciso, con un triste comportamento, di prenderli in giro”.

20 aprile 2013
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Deltablues 2018