RUGBY GIOVANILE L'Under 16 e 18 della Monti Rovigo Junior ai nastri di partenza per la stagione 2013-2014. Molte le novità, con cinque squadre, una a Villadose e l'altra a Badia Polesine

Franchigia rossoblu al via

Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18: a introdurre i lavori Nicola Mazzuccato
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18: i tecnici dell'Under 16 Vittorio Golfetti ed Emanuele Pegoraro
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18: Vladimiro Peliello, Joe McDonnell ed Antonio Romeo
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18: il preparatore atletico Michele Bazzeato
Il presidente Attilio Roversi
Primo giorno di scuola per la Monti Rovigo Junior Under 16 e 18
AD Consulting corso formazione

Rivoluzione rossoblù in ambito giovanile, ben 5 selezioni, tre Under 16 e 2 Under 18 con tre basi operative: Rovigo, Villadose e Badia Polesine. Sotto un unico tetto, quello della Monti Rovigo Junior, i tecnici hanno iniziato il lavoro con gli atleti lunedì 19 agosto. Tra le novità, anche l'ingaggio del tecnico neozelandese Joe McDonnell e Daniele Tumiati tecnico a Porto Viro


 

Rovigo - Un progetto ambizioso unito a quello dell'Accademia sperimentale di Rovigo targata Fir, primo allenamento della Monti Rovigo Junior Under 16 e 18 allo stadio Battaglini. Da questa stagione diverse le novità, sia dal punto di vista tecnico, con l'ingresso dell'All Black Joe McDonnell, e soprattutto per l'organizzazione territoriale che vede attivamente coinvolte piazze importanti come Villadose e Badia Polesine.

Di fatto le formazioni di categoria saranno cinque, tutti i giocatori sono tesserati con il sodalizio di via Alfieri, per una questione logistica, visto che diversi atleti sono di quelle zone, una formazione Under 16 avrà base a Villadose, la seconda a Badia, mentre le principali si alleneranno regolarmente al Battaglini. Il pregio di questa formula è il fatto che i giocatori possono indistintamente scendere in campo  nelle selezioni di categoria essendo tesserati sotto lo stesso club, chi riuscirà ad entrare nel torneo d'Elite (una sola può per società può accedervi, ndr) potrà attingere ad un doppio serbatoio di atleti durante la stagione puntando alla post season fronteggiando anche qualche problema di carattere fisico senza patemi. 

Una sorta di franchigia territoriale che permette alla società presieduta da Attilio Roversi di vantare numericamente un movimento importante, fattore essenziale per raggiungere l'obiettivo societario, consegnare alla prima squadra elementi che possano essere utili alla causa dei Bersaglieri.

 

Confermati alla guida dell'Under 18 della Monti Rovigo Junior Antonio Romeo e Vladimiro Peliello, coadiuvati dai preparatori atletici Roberto Nalin ed Enrico Cuccato. La categoria di fatto ha cambiato nome, ma la sostanza non cambia, se l'anno scorso l'Under 20 di fatto era una 'U19', per la stagione 2013-2014 saranno compresi i 'fuori quota'. Le squadre saranno due ed assorbiranno una decina di atleti della Zhermack Badia. Diversi tra l'altro saranno i ragazzi impegnati con l'Accademia guidata dal responsabile tecnico Nicola Mazzuccato e dal coach Fir Piero Tellarini, una sorta di connubio tra la selezione azzurra e i rossoblù. Le altre due Under 16 avranno come seconda casa l'impianto di via Martiri di Villamarzana a Badia Polesine, e via Pelandra a Villadose. Per la sede altopolesana i coach saranno Marco Fenzi e Marco Crivellaro, mentre per la sede del Doge Giancarlo Capitozzo e Giovanni Chimera saranno i responsabili tecnici. A Rovigo l'Under 16 sarà guidata da Vittorio Golfetti ed Emanuele Pegoraro con la collaborazione del preparatore atletico Michele Bazzeato.

 

Giorgio Achilli

 

 

19 agosto 2013




CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA

Correlati:

  • Al Pacifici cade il Marchiol

    RUGBY Dopo la FemiCz Rovigo anche il Mogliano perde a San Donà in un match emozionate e con continui colpi di scena. Domenica il derby d’Italia tra Petrarca Padova e i Bersaglieri che possono accorciare le distanze dalla seconda della classe

  • I biancazzurri cercheranno la vittoria anche per il ds

    RUGBY SERIE A Zhermack Badia che a Rubano è all’ultima spiaggia, se la squadra di Pedrazzi vincerà potrà ancora dire qualcosa in chiave salvezza, altrimenti sul campionato scenderanno i titoli di coda

  • I neroverdi tentano il colpaccio

    RUGBY SERIE B Il Fulvia Tour Villadose in trasferta domenica a Casale sul Sile contro la prima della classe senza parecchi titolari

  • All’andata fu una vittoria per i gialloblu

    RUGBY SERIE C Il Frassinelle a Selvazzano cerca di confermarsi tra le prime della classe

  • ‘Gigi’ ha salutato tutti

    RUGBY Lutto ovale, l’ex tecnico dei Bersaglieri Luigi Equisetto si è spento dopo una lunga malattia alle sette del mattino del 30 gennaio. Aveva portato allo scudetto con l’Under 19 giocatori del calibro di Stefano Bordon e Alessandro Moscardi

  • Bersaglieri nel derby con il lutto al braccio

    RUGBY ECCELLENZA La scelta di Frati è per una linea d’attacco molto fisica con Van Niekerk, Majstorovic e Menon in campo dal primo minuto. Petrarca Padova e FemiCz Rovigo devono vincere per motivi diversi

  • Senza il derby, il rugby italiano sarebbe decisamente più povero

    RUGBY ECCELLENZA Sono lontani i tempi in cui Rovigo e Petrarca Padova si sfidavano davanti a 20 mila persone, ma il fascino della sfida rimane inalterato

ARREDOLUCE 730X90