GIOCO D’AZZARDO ROVIGO Bocciata in Senato da Pd e Pdl la cancellazione del condono per i concessionari di slot machine proposta da Giovanni Endrizzi del Movimento 5 stelle

Videopoker, scontata la maxi multa da 98 miliardi a 611 milioni di euro

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe
La maxi multa ai concessionari delle slot machine per i danni causati dal gioco d’azzardo passa da 98 miliardi di euro a 611 milioni. La cancellazione del condono proposto dal Movimento 5 stelle attraverso una mozione a firma del senatore Giovanni Endrizzi è stata bocciata dai gruppi parlamentari del Pd e del Pdl. La mozione proponeva di far pagare interamente la multa. Approvata, invece, la mozione della Lega Nord (con i voti del gruppo 5 stelle) che prevede una moratoria di un anno sull’apertura di nuove sale slot
Leggi l’articolo sull’intervento del senatore Endrizzi contro le lobby del gioco d’azzardo

Leggi l’articolo sul decreto legge per la trasparenza delle lobby finanziatrici dei parlamentari
la mozione approvata della Lega nord


Rovigo - Una multa da 98 miliardi abbassata a 611 milioni di euro con uno sconto che va a totale vantaggio dei concessionari di slot machine e che fa infuriare Giovanni Endrizzi, senatore del Movimento 5 stelle.
E’ quanto successo in Senato nei giorni scorsi dove è stata discussa, votata e respinta la mozione del gruppo 5 stelle per far pagare interamente la maxi multa alle società concessionarie di slot machines a causa dei danni economici e sociali causati dal gioco d'azzardo patologico.

Il primo firmatario della mozione era proprio il senatore Endrizzi che da tempo sta portando avanti una battaglia contro quelle che chiama “le lobby del gioco d’azzardo”.
“Al Senato si è consumata l'ennesima vergogna - sbotta Endrizzi - Pd e Pdl con il trucco democristiano dell'astensione (che al Senato vale come voto contrario) hanno bocciato la mozione. La mozione a 5 stelle che ha ricevuto solo 76 voti favorevoli dal M5s, Lega Nord, Sel, Scelta Civica, sei dissidenti Pd e due dissidenti Pdl proponeva al suo interno la cancellazione dell'articolo 14 del decreto Imu che prevede il condono per le società concessionarie di slot machines”.

Endrizzi racconta che “invece di pagare i 98 miliardi di multa, poi “scontati” dalla Corte dei conti a 2,5 miliardi, i “signori dell'azzardo” grazie al governo Letta ora dovranno restituire allo Stato solo 611 milioni di euro”. Il resto sarà ancora una volta a carico dei cittadini, secondo il senatore che rincara la dose attaccando duramente Alberto Giorgetti (Pdl), sottosegretario con delega ai giochi d'azzardo, “il sottosegretario più amato dall'industria - spiega Endrizzi - come il Movimento 5 Stelle aveva denunciato in aula a giugno”.

A questo punto, Endrizzi prosegue: “Il voto contrario di Pd e Pdl non ci stupisce: i conflitti d'interessi tra partiti e gioco d'azzardo erano stati denunciati in aula per tempo”. Voto favorevole da parte del Movimento 5 stelle anche su tutte le altre mozioni in votazione, inclusa quella della Lega Nord che è passata a sorpresa e prevede una moratoria di un anno sull'apertura di nuove sale slot. “Il Pd - conclude Endrizzi - ha prontamente fatto sapere di "essersi sbagliato". Al ridicolo non c'è limite”.

9 settembre 2013
CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA




Correlati:

Musica fondazione cariparo