SOCIAL DAY ROVIGO Si è svolta la terza edizione della giornata della solidarietà promossa dalla Provincia, sul palco i grandi talenti e le testimonianze delle associazioni polesane

In scena il magico mondo dei volontari

Tiziana Virgili
Anna Nani
La corale adriese diretta da Massimo Siviero
Irene Lissandrin
Artinstrada
Cooperativa “Il tappeto di Iqbal"
Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

Il teatro Sociale di Rovigo sabato 7 dicembre ha ospitato la terza edizione del Social Day. Occasione per la cerimonia di consegna dei riconoscimenti ma anche di approfondire temi sociali. Ampio spazio alle testimonianza, musica e recitazione, il direttore di RovigoOggi.it ha interpretato La storia di Chiara, per l'associazione Andos, già recitata nell’evento conclusivo dell’Ottobre rosa



Rovigo - In occasione della giornata internazionale del volontariato istituita dall’Onu, è andato in scena sabato sera il terzo Social Day, presso il teatro Sociale, con la consegna dei riconoscimenti alle associazioni di volontariato operanti sul territorio polesano. E poi tanti momenti dedicati alla riflessione, alle testimonianze ma anche alla musica. La serata è stata promossa dall’assessorato ai Servizi sociali e Volontariato della Provincia di Rovigo, in collaborazione con il Centro di servizi per il volontariato. Ad aprire la serata infatti è stata l’assessore provinciale Marinella Mantovani, promotrice dell’evento. Poi sul palco per i saluti, uno dopo l’altro, il vescovo Soravito de Franceschi: “Quello che mi ha colpito fin da quando sono arrivato qui in Polesine, ormai dieci anni fa, è stato l’elevato numero di associazioni di volontariato presenti in tutto il territorio. Siete davvero esemplari da questo punto di vista. Oggi i problemi si devono affrontare non più con la concorrenza ma con la convergenza”. E poi l’assessore ai Servizi sociali del Comune di Rovigo, Gianni Antonio Saccardin: “Papa Francesco ha detto in una intervista ha detto che immagina la Chiesa come un grande ospedale da campo, prendo in prestito questa frase e dico che la nostra società in questo momento è un grande ospedale da campo, fatto di persone sole, povere, abbandonate, e noi ci siamo in mezzo”. Poi Remo Agnoletto presidente del Csv: “Non si tratta di una semplice celebrazione di ciò che fa il volontariato, ma una dimostrazione di ciò che i cittadini possono fare, perché il volontariato non è privilegio di pochi coraggiosi ma un’esperienza a cui tutti possono prendere parte”. Ha preso poi la parola Elia Lubian della Fondazione Cariparo: “Il volontariato mette a disposizione degli altri una risorsa molto preziosa che è il suo tempo libero. La Fondazione cerca di sostenere il volontariato con le proprie risorse ma è difficile fare una scelta perché ci sono tante richieste, tutte meritevoli”. Poi c’è stata la presentazione del calendario “Scatti di Solidarietà 2014”, foto che raccontano l’attività sul campo delle associazioni polesane. Sul palco assieme ai giovani dell’associazione Artinstrada di Adria, si sono esibiti i ragazzi del quartiere Barra di Napoli, uno dei quartieri dove tanti giovani cadono nella morsa dell’illegalità, dei giri malavitosi. E lì la Cooperativa “Il tappeto di Iqbal”, di artisti di strada tenta di strappare questi ragazzi dalla malavita, attraverso le arti circensi”. Sul palco anche Giovanni Savino il presidente. 

Spazio poi alle testimonianze nei vari campi del volontariato come quella dell'Andos con “La storia di Chiara”, interpretata da Irene Lissandrin direttore di RovigoOggi.it, che racconta la storia vera di una donna operata di tumore al seno, alla musica con Anna Nani, le ocarine di Grillara e la Corale di Adria che ha interpretato alcuni brani dalla Traviata di Giuseppe Verdi. In mezzo a tante note positive, quella triste di Francesco Casoni, del Csv di Rovigo, che ha raccontato come i tagli di risorse al Servizio civile volontario neghino la possibilità a tanti giovani di svolgere un anno a servizio degli altri: “Per il 2015 il governo promette la possibilità di avviare al servizio civile 17 mila volontari, duemila in più rispetto a quelli che partiranno nel 2014,  ma sono numeri ben lontani dagli oltre 45 mila del 2007 e ancora pochi rispetto alle 90 mila domande presentate”. Ultima a portare un saluto anche la presidente della Provincia Tiziana Virgili.  Si è proceduto poi con la consegna dei riconoscimenti alle associazioni segnalate dai comuni. 

9 dicembre 2013
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe