POLITICA ROVIGO La senatrice della Lega Nord Emanuela Munerato ha depositato una interrogazione al ministro Guidi per avere ragguagli in merito ai controlli che l'agenzia dell'entrate sta eseguendo ai veneti

"Gli artigli del fisco uccidono le imprese"

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni
Per un centesimo di euro molti imprenditori in Polesine non hanno potuto ottenere il Durc. Nell'ultimo periodo il caso di un imprenditorie edile ha fatto scalpore, come un caso simile avvenuto di una imprenditrice rodigina qualche mese fa (leggi articolo). La senatrice Munerato della Lega Nord interroga il ministro Guidi per avere spiegazioni in merito "all'accanimento" dell'agenzia dell'entrate
 
Rovigo - "Il Veneto è una delle regioni con minore evasione fiscale. Nonostante questo, gli artigli del fisco si accaniscono sempre sulla nostra gente" lo dichiara la senatrice Emanuela Munerato a seguito di alcuni casi di irregolarità di contribuzione che l'agenzia delle entrate ha constatato a degli imprenditori locali, colpevoli di non essere in regola col pagamento di un solo centesimo di euro.  
“Questi imprenditori non potranno ricevere il Documento unico di regolarità contributiva e quindi essere liquidati per i lavori già svolti - afferma Emanuela Munerato - Saranno inoltre esclusi da eventuali future gare di appalto. Questo avrà un impatto devastante sulla sua azienda e sui suoi dipendenti". 

La senatrice leghista è agguerrita e pretende risposte dal governo Renzi: "Se questo è il cambiamento che vogliono dare al Paese, la nostra risposta non potrà che essere quella sintetizzata dallo slogan della Lega Nord: Futuro è indipendenza - conclude Munerato - l'Indipendenza da uno Stato che si comporta come un predatore spietato, che distrugge il lavoro e si rende complice di suicidi e povertà. Ho presentato un'interrogazione parlamentare per i ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico. Chiederò loro di smettere con le promesse e ripartire dai fatti”.
 
14 aprile 2014
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017