EVENTI SANT’APOLLINARE ROVIGO Sabato 9 agosto all’osservatorio astronomico Vanni Bazzan concerto jazz dedicato alla Parigi anni ’30. L’obiettivo è bissare il successo della settimana scorsa con oltre 250 persone

Musica, stelle e la vie en rose

Foto della serata del 2 agosto
Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Il cielo stellato, la musica e la possibilità di spaziare con gli occhi tra la luna e i pianeti grazie agli strumenti e alla disponibilità del Gruppo astrofili polesani. Una notte davvero magica, sabato scorso, 2 agosto, per le oltre 250 persone arrivate all'osservatorio Vanni Bazzan di Sant'Apollinare. Un successo che ha premiato anche la bravura e la perfezione della performance del Trio guidato da Roberto De Nittis, interprete di Stairway to Paradise, apprezzatissimo omaggio alla musica di George Gershwin


 

Sant'Apollinare - Moonlight serenade, due concerti per le sere d'agosto, in attesa della notte di san Lorenzo, quando la volta del cielo diventa il palcoscenico delle scie luminose dei corpi celesti che bruciano entrando nell'atmosfera terrestre. Il primo appuntamento, quello di sabato 2 agosto, è stato baciato dalla fortuna, considerando le avversità meteorologiche di questa estate pazza. "L'assenza di nubi ha favorito l'osservazione della volta celeste, di Saturno e della luna. "Un'occasione colta al volo dalla maggior parte delle oltre 250 persone, tra soci del Rovigo jazz club e del Gruppo astrofili polesani, che sono arrivate per il concerto jazz. La terrazza dell'osservatorio era affollata fin dalle 21.30 - ha confermato Mattia Negrello, direttore scientifico dell' Osservatorio - pur se le condizioni ottimali si sono verificate dopo le 22, quando l'oscurità è diventata completa. Tanti sono rimasti all' Osservatorio fino alle prime ore del mattino, ascoltando le spiegazioni degli astrofili, facendo domande e cercando nell'infinito tracce di oggetti sconosciuti. Anche i musicisti, dopo l'esibizione, sono rimasti con noi a osservare le stelle: per tutti è stata un'esperienza unica, come aveva pensato Giorgio Cosco, il nostro presidente scomparso". L'auspicio di tutti è che la situazione favorevole di questo sabato si ripeta sabato 9 agosto, quando ospiteremo il secondo concerto jazz, dedicato alla Parigi degli anni '30 e a Les étoiles du jazz. Nell'occasione, all'Osservatorio 'Bazzan' erano anche state esposte alcune opere dell'artista Sara Giantin ispirate all'astronomia.

In merito alla parte musicale della serata è d'obbligo segnalare la perfetta esecuzione del programma offerto dal Roberto De Nittis trio, con Roberto De Nittis al piano elettrico, Dino Mondello al contrabbasso e Giovanni Minguzzi alla batteria. La formazione di contemporary jazz è nata all'interno del Dipartimento di Jazz del Conservatorio 'Venezze' di Rovigo e, all'Osservatorio, ha presentato un repertorio originale e innovativo, dedicato alla musica di George Gershwin. Omaggio alla trasferta a Parigi, nel 1928, del musicista ebreo di origine russa, diventato cittadino americano. Dopo quell'esperienza Gershwin divenne la figura di riferimento della musica jazz, per la capacità di fare sintesi tra le musiche di origine popolare e quelle di estrazione più nobile. 

Soddisfatto per gli applausi e il coinvolgimento caloroso del pubblico, Andrea Boschetti, direttore artistico del Rovigo jazz club, ha sottolineato le numerose affermazioni di De Nittis in concorsi e rassegne e il suo inserimento, come pianista, nella band di Mauro Ottolini e nell'orchestra giovanile italiana diretta da Nicola Paszkowski. "Per l'autunno - ha aggiunto -  è già stata messa a punto la stagione dei concerti al Ridotto del Sociale. Ora possiamo solo sperare nel bel tempo per la prossima settimana perché i nostri soci e quelli degli astrofili hanno già dichiarato che non intendono mancare”.

Lauretta Vignaga

7 agosto 2014
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe