TRIBUNALE ROVIGO Era chiamato a processo per circa 70mila euro di Iva non pagata. Bettarello ha sempre ribadito che è stato il calo del lavoro commissionato dall'azienda Benetton a portare verso la chiusura

Assolto Stefano Bettarello, grande del rugby veneto e nazionale

Stefano Bettarello
Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

La sua difesa è sempre stata chiara (leggi articolo): il laboratorio di confezioni, aperto nel 1985 dopo il passaggio del giocatore alla Benetton Treviso, chiuse nel 2008 per mancanza di lavoro. Lui dovette scegliere tra pagare i dipendenti o l'Iva


Rovigo - Assolto. La recente pronuncia della Corte costituzionale ha fatto sì che l'importo dell'Iva secondo i magistrati non pagata non costituisse più reato. Non è stato necessario entrare nel merito della questione. Il giudice ha assolto Stefano Bettarello (foto a lato), 55 anni. Un nome che ha fatto la storia del rugby in Veneto, in Italia e nel mondo. Ha militato nei rossoblù, nel Treviso, nel Mogliano, nel Livorno e nel Casale. Ha vestito 55 volte la maglia della nazionale. Ha allenato la squadra di Villadose.

Era chiamato a processo per 70mila euro di Iva secondo la Procura non pagata (leggi articolo). In relazione all'attività che ha svolto dal 1985 al 2008 a Lendinara dove aveva un laboratorio tessile che lavorava per la Benetton. Una attività aperta dopo il passaggio del campione al Treviso. Una specie di incentivo che all'epoca veniva talvolta applicato per rendere la piazza più appetibile ai pezzi da Novanta.

Bettarello ha sempre ribadito che è stato il calo del lavoro commissionato dall'azienda Benetton a portare verso la chiusura. E che a un certo punto è stato costretto a scegliere tra pagare gli stipendi ai dipendenti o pagare l'Iva. Ha scelto di tutelare i suoi lavoratori.

 

17 novembre 2014
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni