SERVIZI SOCIALI ROVIGO Tra qualche giorno verrà pubblicato l’avviso per la presentazione delle domande per il servizio di assistenza domiciliare ai non autosufficenti. Tutte le informazioni

Meglio preparare i documenti per l’Home care premium

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

100 è il numero massimo di iscrizioni per il servizio Home care premium che prevede interventi in favore di soggetti non autosufficienti e fragili, utenti dell’Inps, gestione dipendenti pubblici. A breve verrà reso noto l’avviso pubblico con la data di avvio per la presentazione delle domande


 

Rovigo - Il settore servizi sociali del comune rodigino comunica che a breve verrà diffuso l’avviso pubblico Home care premium 2015 in cui sarà riportata la data di avvio per la presentazione delle domande. La domanda dovrà essere presentata tempestivamente in quanto l’istruttoria avverrà in ordine cronologico e nel limite del numero obiettivo di utenti beneficiari pari a 100. 

Il progetto Home care premium prevede interventi in favore di soggetti non autosufficienti e fragili, utenti dell’Inps, gestione dipendenti pubblici. Si rivolge ai dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione ex Inpdap, ai loro coniugi conviventi (anche se separati legalmente) e familiari di primo grado, genitori o figli, anche se non conviventi, ai figli minorenni, orfani di dipendente o di pensionato pubblico.

La domanda di assistenza domiciliare potrà essere trasmessa per via telematica attraverso il sito www.inps.it e inviata attraverso lo sportello Hcp del Comune di Rovigo.

Per poter accedere al beneficio è necessario avere il codice Pin dell’Inps, esclusivamente per la presentazione della domanda per via telematica, avere una nuova attestazione Isee 2015, essere iscritti in banca dati come richiedenti o beneficiari della prestazione. Il modulo “Iscrizione in banca dati”, scaricabile dalla sezione Moduli del sito Inps, può essere presentato a mano, via fax, Pec, posta tradizionale, presso la sede territoriale Inp. Infine potranno presentare la domanda i comuni di Rovigo, Arquà Polesine, Boara Pisani, Bosaro, Ceregnano, Costa di Rovigo, Crespino, Frassinelle Polesine, Gavello, Guarda Veneta, Polesella, Pontecchio Polesine, San Martino di Venezze, Villadose, Villamarzana, Villanova Marchesana.

23 gennaio 2015




Correlati:

  • Uffici a 12 gradi: tutti al lavoro con il giubbotto 

    COMUNE ROVIGO Nella sede dei Servizi sociali in viale Trieste c’è freddo. L’amministrazione si sta mobilitando per spostare una ventina di lavoratori e minaccia di bloccare il pagamento dell’affitto

  • Lui sta male, la figlia della badante ottiene 70mila euro

    CIRCONVENZIONE D'INCAPACE ROVIGO Scatta il sequestro della somma dai conti della giovane straniera. Sigilli anche alla sua vettura. La Cassazione conferma i provvedimenti cautelari

  • Non potevano pagare 18 euro di bolletta. Arriva Bandiera Gialla

    SOLIDARIETÀ ROVIGO Obiettivo raggiunto ancora una volta per l’associazione Bandiera Gialla che con due bellissime serate in piazza tra musica e divertimento ha raccolto oltre 1300 euro da donare ai servizi sociali del Comune

  • "Il Comune chiede soldi ai volontari? Non è normale..."

    POLITICA ROVIGO Giorgia Businaro spiega al presente del consiglio comunale il vero problema del settore dei Servizi sociali: la richiesta di soldi ad una associazione di volontariato per coprire i costi di un'attività ordinaria

  • "Sta facendo tanto, non ha senso dimettersi"

    POLITICA ROVIGO Paolo Avezzù, presidente del consiglio comuanle, difende il lavoro dell’assessore Patrizia Borile nei Servizi sociali dagli attacchi della consigliera Giorgia Businaro che invece l’ha invitata a dimettersi 

  • Servizi sociali senza soldi: attendono la carità

    IL CASO A ROVIGO Non ci sono più soldi in cassa, neppure nei fondi di riserva. Il settore, per rispondere alle urgenze, aspetta a dita incrociate le donazioni di qualche associazione

  • E’ agosto, ma l’assistenza c’è

    SERVIZI ROVIGO L’istituto nazionale di previdenza sociale risponde al senatore Bartolomeo Amidei che aveva riscontrato dei disservizi nella risoluzione di alcune pratiche 

Fondazione Cariparo Culturalmente