CULTURA ROVIGO Sabato 26 settembre si concluderà la manifestazione Deltarte, ideata da Melania Ruggini. Nell’occasione verrà presentato il catalogo finale del festival itinerante

Il festival itinerante dell'arte alle battute finali

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

DeltArte festeggia la conclusione del progetto nato dal bando CulturalMente, ideato e finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Lo fa da Rovigo, sala della Gran Guardia, sabato 26 settembre alle 18, dove il Festival itinerante, ideato da Melania Ruggini (foto a lato), saluterà il suo pubblico dandogli appuntamento per l'anno prossimo. Nell'occasione verrà presentato il catalogo dell'intera manifestazione 'DeltArte si racconta'. Brindisi finale e intermezzo musicale dedicato agli artisti, lo staff organizzativo, i Comuni, gli sponsor e tutti coloro che hanno seguito e apprezzato quanto è stato fatto per rendere più belli i luoghi, le vie, i musei delle comunità del Delta del Po



Rovigo - Deltarte prende commiato dal suo pubblico invitandolo in Gran Guardia, piazza Vittorio Emanuele II, sabato 26 settembre alle 18 per festeggiare la conclusione di 3 anni di intensa attività e dargli appuntamento al prossimo anno. Giunto alla terza edizione, Deltarte, festival itinerante dedicato ai giovani artisti e ideato da Melania Ruggini, chiude il suo percorso con la presentazione del catalogo 'DeltArte si racconta', testimonianza tangibile dei progetti e degli artisti che hanno partecipato a questa e alle passate edizioni. Una raccolta di immagini e testi che guidano alla scoperta di quanto è stato fatto per rendere più belli e accoglienti cose, vie, piazze  e musei, luoghi a volte dimenticati o scarsamente vissuti. Il tutto portato a compimento attraverso 9 appuntamenti, 4 residenze d'artista, 3 workshop lungo il Delta del Po che hanno arricchito il territorio con mostre, murales, istallazioni da aprile a settembre.

Il progetto, iniziato grazie alla vincita del bando Culturalmente, ideato dalla fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo, ha registrato come capofila le associazioni 'Centro studi Agnese Baggio, di Adria, nel 2013, e 'Voci per la libertà', di Villadose, nel 2014 e 2015. A supportarlo: 90.000 euro devoluti dalla Fondazione per artisti, staff organizzativo e materiali necessari alla realizzazione delle opere. Dai Comuni, 10 in tutto, e dai vari sponsor sono arrivati 24.000 euro, a sostegno della manifestazione. Entrando nel dettaglio, gli artisti partecipanti sono stati 90; 15 le sedi espositive; 30 le mostre; 23 i concerti; 6 i murales realizzati; 17 le istallazioni site - specific; 3 workshop; 60 le associazioni partner coinvolte.

"Un ottimo risultato" il commento di Melania Ruggini. "In questi 3 anni abbiamo lasciato il nostro segno di riconoscimento nel Delta: un mondo di opere, una rete di artisti, un universo di colori che le persone vivono nelle loro città, prendendosi cura delle realizzazioni e di chi le ha concretizzate, anche in luoghi dimenticati o scarsamente vissuti. Il rapporto con le persone è centrale per DeltArte: ogni opera è stata progettata pensando al fruitore, tenendo conto dell'ambiente, del paesaggio, delle funzioni del luogo in cui è stata collocata, data la sua capacità di rivoluzionare aspetto e funzioni del luogo che la ospita" - ha concluso.

La presentazione del catalogo sarà affiancata dalla proiezione del docufilm 'DeltArte - identità riemerse', di Mattia Buzzarello. Quindi: brindisi conclusivo offerto dall'azienda agricola 'La Galassa', di Gavello, sulle note di Sarah Convento e del suo quartetto d'archi Art4quartet. 

Lauretta Vignaga

23 settembre 2015
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017