RUGBY ECCELLENZA Clamorosi sviluppi nella mattinata di 19 dicembre, sollevato dall’incarico l’head coach Filippo Frati, un All Blacks, Joe McDonnell, guiderà la FemiCz Rovigo fino a fine stagione

Esonerato Pippo Frati, al suo posto Joe McDonnell

Pippo Frati e Joe McDonnell
Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Joe McDonnell ha il grande merito di aver sistemato il pack rossoblu, la mischia nella prima parte di campionato ha tenuto a galla la FemiCz Rovigo salvandola anche da pericolose figuracce. Ora il neozelandese è chiamato ad un ruolo molto più complicato, a questo punto la squadra dovrà farsi carico di responsabilità ulteriori. La direzione sportiva guidata da Stefano Bettarello, Tommaso Reato e Francesco Favaretto farà il resto
(foto a lato Joe McDonnell e Pippo Frati) Alle 17 e 24 del 19 dicembre 2015 il comunicato della società
LEGGI IL COMUNICATO DI PIPPO FRATI 

Leggi l'articolo sull'arrivo di Frati e De Rossi a Rovigo


Rovigo - Non sembrava imminente, ma la situazione è precipitata nel giro di poche ore. La FemiCz Rovigo ha deciso di punto in bianco di cambiare guida tecnica della squadra sollevando dall’incarico il nocetano Pippo Frati, ed affidando la rosa dei Bersaglieri all’ex All Blacks Joe McDonnell, già responsabile del pack rossoblu, e coordinatore tecnico della Monti Junior Rovigo, il settore giovanile di viale Alfieri che comprende il Progetto Basso Veneto.

Il primo indizio l’annullamento del pranzo di natale programmato con la squadra, la direzione sportiva, lo staff tecnico e il presidente Francesco Zambelli, una cancellazione fatta in fretta e furia senza spiegarne motivo. Evidentemente qualcosa stava succedendo, e i già precari equilibri tra la dirigenza rossoblù ed il tecnico nocetano si erano rotti. Scelte tecniche non condivise con la direzione sportiva (inclusa una cena della squadra a cui non erano stati invitati) probabilmente il motivo scatenante di una clamorosa decisione. In tutto questo, un Cda convocato prima delle rituali cene natalizie in cui è stata presa la drammatica scelta di cambiare in corsa. 

Ma non è finita. Giovedì 17 dicembre si è dimesso anche l’ex direttore sportivo, e a questo punto anche ex membro del Cda della Rugby Rovigo Delta, ovvero il campione d’Italia Pietro Reale. Aveva fatto molto rumore in estate la sua decisione di mollare la direzione sportiva, una lettere appassionata (LEGGI ARTICOLO) piena di rammarico per uno scudetto sfumato davanti a quasi 7000 persone.  Di qualche giorno fa la sua definitiva uscita di scena in contrasto con il Cda, che stava per decidere il clamoroso allontanamento del tecnico nocetano primo in classifica, ma come già annunciato ieri (LEGGI ARTICOLO) non era una questione di numeri e di punti (LEGGI ARTICOLO)

Non centra (o comunque non fondamentale) neppure la sconfitta rotonda di Timisoara in Qualifying competition (LEGGI ARTICOLO), anche se i 45 punti subiti non sono andati giù alla dirigenza rossoblu. Pesano invece alcune scelte, un turn over forse inopportuno contro un avversario di rango come i campioni nazionali della Romania, o esperimenti troppo azzardati. Tra le motivazioni anche le prestazioni poco convincenti del Xv rossoblu (vincere non basta più), una questione di gerarchie mai risolta, e una mentalità di gestione del gruppo in antitesi con il nuovo corso della direzione sportiva formato da Stefano Bettarello, Tommaso Reato e Francesco Favaretto. Joe McDonnell ha il grande merito di aver sistemato il pack rossoblu, la mischia nella prima parte di campionato ha tenuto a galla la FemiCz Rovigo salvandola anche da pericolose figuracce. Ora il neozelandese è chiamato ad un ruolo molto più complicato, a questo punto la squadra dovrà farsi carico di responsabilità ulteriori, e l’intervento dei senatori e dei leader dei reparti, sarà fondamentale per assorbire questo terremoto. Il 6 gennaio al Peroni stadium la FemiCz Rovigo incontrerà il Calvisano, non una partita come le altre.

Giorgio Achilli

Alle 17 e 24 del 19 dicembre 2015 il comunicato della società
"Mercoledì scorso il Consiglio d'Amministrazione della Rugby Rovigo Delta si è riunito d'urgenza per discutere sulla prima parte di stagione appena conclusa, sull'andamento della prima squadra e per fare un bilancio dell'operato del suo allenatore Filippo Frati. Preso atto di quanto discusso e deciso in sede di Consiglio, il Presidente della Rugby Rovigo Delta commendator Francesco Zambelli e la Direzione sportiva rossoblù questa mattina sono intervenuti con Joe McDonnell per valutare la sua disponibilità a continuare questa stagione come primo allenatore dei Bersaglieri e, dopo averla ottenuta, per procedere quindi ufficializzando l'esonero di Filippo Frati".

 

 

 

 

 

 

 

 

19 dicembre 2015




Correlati:

  • Tutto in 80 minuti, come sempre

    RUGBY CONTINENTAL SHIELD La FemiCz Rovigo obbligata a vincere a Calvisano sabato 16 dicembre, ma lo deve fare anche il club bresciano per passare il turno di coppa. Se Timisoara vince sul Batumi cambia tutto

  • Doppia sfida in Giappone a giugno 

    RUGBY L’Italia affronterà la nazionale guidata da Jamie Joseph in due test-match in calendario sabato 9 e sabato 16 giugno. 

  • Quattro francesi ed un inglese per gli azzurri

    RUGBY SEI NAZIONI 2018 Ufficializzati i direttori di gara del prossimo torneo. Per l’Italia ci sono Mathieu Raynal, Romain Poite, Wayne Barnes, Jerome Garces e Pascal Gauzere

  • Quando cambiare nome è il meno

    RUGBY ECCELLENZA Coordinamento, tavolo, concertazione, tutte cose già viste. Rovigo e Padova ci provano, ma la Federazione sarà pronta a recepire il messaggio dei club

  • Doni ai giovani pazienti nel ricordo di Nicola

    RUGBY ROVIGO L’idea è stata dei genitori di Nicola Perin, il giovane atleta scomparso alla vigilia di Natale nel 2015. Un’auto piena di regali è partita con destinazione il Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Padova

  • Si tenta di riformare la Lega

    RUGBY ECCELLENZA ROVIGO Intanto nasce il coordinamento delle società del massimo campionato italiano, da Reggio Emilia decolla il progetto, Alberto Marusso nominato portavoce, come prima cosa si cambierà il nome del torneo

  • Nuovo piano strategico della formazione degli allenatori

    RUGBY Giocatori al centro dell’offerta didattica della Fir, quattro livelli di scuola per diventare allenatori, ma l’ultimo per l’abilitazione alle squadre nazionali o per le franchigie del Pro14 è su invito della Federazione

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe