CONSIGLIO COMUNALE CEREGNANO (ROVIGO) Approvato un documento che chiede alla Regione Veneto di sbloccare quanto prima l'iter di realizzazione della Nogara Mare, che dovrebbe condurre sino al mare

"Quella strada serve e serve anche presto"

Ivan Dall'Ara
Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Il Governo regionale rallenta su alcune grandi opere per le quali si è già in fase di finanziamento, ma che ancora non hanno visto raggiungere la concessione. Tra queste la Nogara Mare, ossia l'autostrada che dovrebbe assorbire anche la Transpolesana e condurre sino al mare. Secondo la maggioranza in consiglio comunale a Ceregnano, però, questa opera davvero non può tardare. Anche perché il turismo potrebbe trarne grande giovamento


Ceregnano (Ro) - Il project financing c'è già, dal 2014, ma non è stato ancora firmato il contratto di concessione. Il che fa sì che la Nogara Mare rientri tra quelle grandi opere che la legge regionale 15 del 2015 consente di sottoporre a revisione e a verifica di sostenibilità. Lo scorso 11 febbraio la Regione, dopo avere nominato il comitato scientifico, ha fatto sapere che per decidere saranno necessari altri tre mesi di valutazione, almeno.

Una pronuncia che non rende particolarmente felice la maggioranza in consiglio comunale a Ceregnano, guidata dai Ivan Dall'Ara, dal momento che ad avviso dei consiglieri che hanno firmato il documento lo scorso sabato 20 febbraio questa arteria è molto importante, così come molto importante sarebbe una sua realizzazione in tempi celeri. Il cantiere dovrebbe partire subito.

Secondo questa interpretazione, infatti, "la strada trasformerebbe in autostrada la superstrada Transpolesana proseguendo poi sino a Curicchi, località di Adria, e consentirebbe il collegamento con l’ospedale di Trecenta grazie ad un raccordo, oltre all’interconnessione con la Valdastico a Badia e con la A13 Bologna-Padova a Villamarzana". In questo modo, secondo il documento approvato in consiglio comunale, si potrebbe "arrivare fino nei pressi del Delta del Po con conseguente vantaggio per i settori della pesca e del turismo".

Da qui la conclusione del documento approvato in consiglio. Documento che impegna il sindaco "a sollecitare la Giunta regionale del Veneto affinché il promotore, aggiudicatario del project financing, venga messo nelle condizioni di far partire i cantieri al più presto".

22 febbraio 2016
Bancadria 468x60




Correlati:

Musikè fondazione cariparo 730x90