SICUREZZA ROVIGO Intervento della Volante della questura nella serata di lunedì 22 febbraio tra via Benvenuto Tisi da Garofolo e viale Porta Adige. Finiscono espulsi due giovani marocchini: in Italia erano veri e propri “fantasmi”

Nuova lite tra stranieri fuori dalla biglietteria: la gente è stanca

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Ancora una volta un diverbio che ha destato preoccupazione e rabbia tra i residenti nel quartiere Commenda, che da tempo segnalano come all'esterno del bar biglietteria per le corriere posto all'incrocio tra via Benvenuto Tisi da Garofolo e viale Porta Adige sorgano spesso discussioni e si manifestino intemperanze tra stranieri


Rovigo – Una lite tra quattro stranieri per la quale è partita la chiamata al 113. Le testimonianze parlavano, nella serata di lunedì 22 febbraio, di quattro stranieri, tutti marocchini, che litigavano all'esterno del bar biglietteria che serve anche la stazione delle corriere, all'incrocio tra via Benvenuto Tisi da Garofolo e viale Porta Adige.

Quando è accorsa la Volante della questura, ha trovato sul posto due marocchini, di 19 e 27 anni. Sono risultati entrambi sconosciuti all'uffcio immgrazione, del tutto clandestini sul territorio nazionale. Per loro quindi sono scattate le pratiche volte all'espulsione.

Nella stessa serata un altro intervento della Volante è scattata nella zona arginale di Granzette, dove era stata notata una Alfa 156 in sosta in zona appartata. I poliziotti, nel corso del controllo, hanno trovato a bordo cinque persone, tutte giovani. Al posto di guida un 25enne rodigino, A. C. le sue iniziali. E' stato trovato in possesso di una dose di marijuana.

Non abbastanza per procedere penalmente, ma abbastanza per la segnalazione alla Prefettura. La denuncia è comunque arrivata perché, secondo le contestazioni, i poliziotti hanno trovato in auto un coltello e uno smerigliatore del quale il giovane non ha saputo fornire una giustificazione ritenuta attendibile.

 

 

23 febbraio 2016
CASA DI CURA SANTA MARIA MADDALENA




Correlati:

Musica fondazione cariparo