BORSA DI STUDIO GHERARDO GHIRARDINI ROVIGO Sabato 19 marzo alla Sala degli arazzi dell’Accademia dei concordi la presentazione delle due campagne che si sono guadagnate il contributo

Due ricerche da premio ricordando un grande archeologo

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Una borsa di studio intitolata alla memoria del grande archeologo Gherardo Ghirardini, nato a Badia Polesine nel 1854 e morto a Bologna nel 1920. Quest’anno, alla sua quinta edizione, è andata a ben due lavori, realizzati da altrettanti giovani ricercatori


Rovigo - Sabato 19 marzo alle 16 nella Sala degli Arazzi dell’Accademia dei concordi si svolgerà la cerimonia di presentazione e premiazione delle ricerche condotte grazie alla Borsa di studio Gherardo Ghirardini. L’iniziativa culturale, giunta alla quinta edizione, è stata sostenuta dalla Fondazione Banca del Monte di Rovigo con la collaborazione e il supporto del Centro polesano di studi storici, archeologici, etnografici (Cpssae) e ha visto coinvolti a pari merito due giovani ricercatori che hanno elaborato altrettanti studi su significativi materiali provenienti da siti archeologici polesani: “L’abitato dell’età del Bronzo medio-recente di Amolara (Adria)” di Fiorenza Bortolami e “L’artigianato delle materie dure animali nel Polesine durante l’età del Bronzo” di Marco Bertolini.

Fiorenza Bortolami, seguita nello svolgimento del lavoro da Giovanna Gambacurta, direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Adria, ha svolto un attento e particolareggiato esame di quanto recuperato dallo scavo dell’abitato dell’età del Bronzo medio-recente (XVI-XII sec. a. C.) di Amolara, presso Adria. Si tratta del primo sistematico studio della significativa scoperta avvenuta nel 2010, a seguito della messa in opera di un metanodotto.

L’altro lavoro, svolto da Marco Bertolini e seguito da Ursula Thun Hohenstein del dipartimento Scienze umanistiche dell’Università di Ferrara, riguarda l’attività artigianale nella lavorazione di manufatti in corno di cervo ed osso, documentata in siti dell’età del Bronzo polesani, con particolare riferimento agli abitati di Larda di Gavello e Campestrin di Grignano Polesine. 

L’illustrazione dei due lavori di ricerca vincitori della borsa di studio sarà eseguita dai rispettivi docenti tutor e sarà preceduta da una breve presentazione dell’iniziativa dedicata a Gherardo Ghirardini, archeologo di fama nazionale nativo di Badia Polesine,  a cura del presidente della Fondazione Banca del Monte di Rovigo, Luigi Costato,  e  del presidente Cpssae Raffaele Peretto.

L’evento in Accademia è aperto alla cittadinanza e, oltre al riconoscimento ai due ricercatori, ha il fine di valorizzare il patrimonio storico del nostro territorio che merita di essere conosciuto.

 

16 marzo 2016
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017