POLITICA E SATIRA Aldo Guarnieri gira "A Rovigo le bugie hanno le gambe corte". Diventa subito virale. Al centro di tutto, le promesse della maggioranza non mantenute sulle aliquote 

Quando l'ironia è digital: l'avvocato umorista si diverte sul web

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Il suo video è stato visto ottomila volte in cinque giorni. Tanto in assoluto, tantissimo se si pensa che stiamo parlando di un debutto, di una "prima assoluta". Aldo Guarnieri, avvocato, appassionato di politica con un passato in giunta e in consiglio comunale, umorista e "punzecchiatore" raffinato e sottile - è il Zot di Rovigooggi.it - è sbarcato su Youtube. E, tra un montaggio e l'altro, il suo monologo colpisce il pubblico


 

Rovigo - "A Rovigo le tasse hanno le gambe corte", è il titolo del video pubblicato online dall'avvocato Aldo Guarnieri. Perché a Rovigo, lo hanno detto in tanti nelle ultime settimane, le tasse hanno molto a che fare con le bugie. O comunque con le promesse non mantenute. Promesse da campagna elettorale, è stato detto dopo che si sono toccate con mano le aliquote portate in consiglio comunale dalla maggioranza (LEGGI ARTICOLO). 

Aliquote tutte rimaste al massimo o comunque non ridotte nemmeno di un decimo di punto, contrariamente a quanto era stato detto in campagna elettorale. Tanto che non è mancato chi ha rinfacciato alla politica questa mancanza di coerenza (LEGGI ARTICOLO).

Proprio questo lo spunto dal quale è partito Guarnieri. Umorismo web, tra un ralenty, una accelerazione, un montaggio di rassegna stampa alternato a volti del sindaco e panoramiche di quel consiglio comunale in cui sono state presentate le aliquote. E' stato un successo inatteso.

Tanto che Guarnieri ha voluto ringraziare tutti. "8mila volte grazie! - recita il post pubblicato su Facebook - Dopo neanche cinque giorni da quando l'ho postato su Facebook, il mio video 'A Rovigo le Tasse hanno le gambe corte!' ha totalizzato più di 8mila visualizzazioni. Voglio ringraziare chi l'ha condiviso, chi si è divertito nel vederlo, chi ha dato il suo 'Mi piace', chi ha voluto vederlo anche se non era d'accordo sul contenuto, chi mi ha scritto, chi mi ha ringraziato, chi mi ha detto di farne altri, a chi pur non abitando in Polesine si è incuriosito e ha voluto dedicare tre minuti del suo tempo a sentir parlare di Rovigo".

"Ho voluto - chiude Guarnieri - far girare una notizia che reputo importante. Sulla mia città. Su un tipo di politica che non apprezzo.  Farla girare a modo mio. In un modo diverso. Con un video e con l'ironia in cui credo. Grazie ancora a tutti".

20 marzo 2016
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

  • La super colla eterna 

    LA VIGNETTA DI ZOT Una rivoluzione tecnologica è il “mastice Avesù”. C’è già chi sta pensando di usarlo in politica 

  • Gli occhiali al sindaco per vedere meglio cosa ha combinato

    ROVIGO IN VIGNETTA L'umorismo di Zot si intreccia sempre a fatti di cronaca vera. Come questo del regalo al primo cittadino da parte dell’Ottica Toffoli 

  • Si doveva proprio fare spazio...

    LA VIGNETTA DI ZOT Una proposta alternativa del "mistero" delle dimissioni (forzate) dell'assessore Andrea Donzelli. Che non le ha mai rassegnate e alla fine è stato cacciato

  • “Sono perplesso: solo io sono tenuto al lavoro gratuito"

    CASO ATER ROVIGO L'ex presidente Aldo Guarnieri, avvocato, medita un esposto in Procura su quelle che considera "anomalie", dopo la sentenza di primo grado che gli impone la restituzione di una discreta somma. Ai colleghi delle altre Ater venete

  • "Quando il sindaco è in disaccordo con se stesso"

    CASO ANCI ROVIGO Aldo Guarnieri realizzata un video per sottolineare le incoerenze del primo cittadino Massimo Bergamin sulla questione dell'associazione dei Comuni: "Come Jeckyll e Hide"

  • [VIDEO] Se non vi piace andatevene da Mardimago

    LA PROVOCAZIONE Il nuovo video satirico di Aldo Guarnieri dopo l'incontro con i residenti nella frazione, che non sarebbe finito proprio a tarallucci e vino...

  • Il kit dell'assessore inamovibile

    LA VIGNETTA DI ROVIGO C'è chi chiede le dimissioni dalla giunta di Beatrice Di Meo, ma per ora sono solo parole al vento. Zot pensa sia una questione di "ingredienti"... indispensabili

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni