ISTRUZIONE TRECENTA (ROVIGO) Gli studenti delle classi seconde dell’Ipsaa Bellini hanno assistito alle lezioni sulla sicurezza stradale nell’ambito del progetto Vado Sicuro 2016

Le regole della strada fanno il pieno di interesse

Cooking Chef Academy 730x90

Lezioni sulla sicurezza stadale per gli alunni dell’Ipsaa Bellini di Trecenta assieme all’assistente capo Alberto Toffanin ed al Sovrintendente Franco Spoladori della Polizia Stradale di Rovigo che hanno interagito con loro sollecitandoli con domande o proponendo loro filmati



Trecenta (Ro) - In attesa  di conoscere, il 19 e 20 maggio, le scuole che si aggiudicheranno i premi del Concorso, continuano gli incontri sulla sicurezza stradale organizzati nell’ambito di questa 13° edizione di Vado Sicuro, il progetto di educazione stradale voluto da Provincia di Rovigo e Adriatic Lng.

Uno degli appuntamenti si è svolto presso l’Ipsaa Bellini di Trecenta, dove studenti e studentesse delle classi seconde hanno assistito alle speciali lezioni sulla sicurezza stradale tenute dall’assistente capo Alberto Toffanin e dal Sovrintendente Franco Spoladori della Polizia Stradale di Rovigo.

Per creare una maggiore possibilità di dialogo, i circa settanta ragazzi sono stati suddivisi in due gruppi e, da subito, in entrambi gli interventi, è risultato evidente che il clima instaurato avrebbe prodotto positivi effetti; i due agenti, infatti, sono riusciti ad interagire con gli studenti  in modo piacevole e sicuramente costruttivo, sollecitandoli con domande o proponendo loro filmati, spesso “provocandoli”, sempre riuscendo ad avere un feed-back immediato.

Carlo Ferrari è uno dei tantissimi docenti che hanno aderito a tutte, o quasi, le edizioni del progetto, guidando i ragazzi in un processo educativo costante e approfondito sul valore delle regole.

"I cento minuti a disposizione per ciascuno dei due interventi – ha detto il professore - sono passati velocemente e, alla fine, molti erano gli studenti che avrebbero voluto continuare il dibattito, perché molte erano risultate le sollecitazioni che avevano ricevuto e molte erano ancora le curiosità che avrebbero voluto venissero soddisfatte". Molti ragazzi hanno manifestato apprezzamento per quanto loro proposto dai due agenti e chiesto che eventi di questo tipo possano ripetersi più volte nel corso dell’anno.

14 maggio 2016
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Voci insistenti di arrivo di profughi, il paese in allarme

    ACCOGLIENZA TRECENTA (ROVIGO) Anche l'amministrazione comunale sta cercando di capire se in effetti ci sia qualcosa che bolle in pentola, alla luce anche dei lavori in corso su una struttura del paese

  • La ricerca è finita: trovato morto l'accoltellatore

    CACCIA ALL'UOMO TRECENTA (ROVIGO) Tragico esito dell'attività di carabinieri e vigili del fuoco, il presunto feritore della moglie trovato senza vita

  • Riprendono le ricerche dell'accoltellatore

    CACCIA ALL'UOMO TRECENTA (ROVIGO) Sospese nel fine settimana, sono ricominciate nella mattinata di giovedì 15 giugno, allargando la superficie controllata, sempre in zona Gorghi

  • Dopo l'agguato, madre e figlia chiedono protezione

    TENTATO OMICIDIO TRECENTA (ROVIGO) Da quando è tornata a casa dall'ospedale la donna accoltellata non si sente più protetta come prima e, assieme alla figlia, si è rivolta a un avvocato per chiedere tutela

  • Festa grande in paese: riecco la biblioteca

    SERVIZI TRECENTA (ROVIGO) Un venerdì speciale, col taglio del nastro della nuova struttura: presenti i bimbi della scuola, il sindaco Antonio Laruccia e le altre autorità. La palazzina sistemata dopo il sisma del 2012

  • Coltellata alla moglie e fuga: sospese le ricerche

    CACCIA ALL’UOMO TRECENTA (ROVIGO) I vigili del fuoco fermano le operazioni ai Gorghi, dove si teme che il feritore della ex consorte si sia buttato, dopo l’agguato, pensando di averla uccisa. Per fortuna lei non è grave

  • Ricerche ancora a vuoto, si teme il suicidio

    CACCIA ALL'UOMO TRECENTA (ROVIGO) I cani molecolari si sono fermati ai Gorghi, nessuno ha visto l'uomo in fuga. Si comincia a temere il peggio, dopo quasi 48 ore senza notizie

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe