VADO SICURO ROVIGO Venerdì 20 maggio gli alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado hanno ricevuto il riconoscimento per la partecipazione al consolidato progetto presso il centro commerciale La Fattoria

Musica, poesia ed allegria a servizio della sicurezza

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

Difficile il compito di scegliere i lavori primi classificati dei ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado che per Vado sicuro 2016 hanno messo in moto tutta la loro creatività, realizzando lavori multimediali, opere grafiche, slogan, profondi nel loro messaggio 


 

Rovigo - Dopo la premiazione di giovedì 19 maggio dedicata ai bambini delle scuole dell’Infanzia e primarie (LEGGI ARTICOLO) venerdì 20 maggio i protagonisti sono stati i ragazzi delle scuole secondarie.

Una festa carica di emozioni e di allegria, ma tutta incentrata su un concetto fondamentale: l’importanza delle regole e il valore di progetti di sensibilizzazione come Vado Sicuro, che danno un contributo all’educazione stradale e alla crescita dei ragazzi come cittadini responsabili e attenti.

Alcuni insegnanti hanno pensato di coinvolgere i ragazzi nella costruzione di una presentazione multimediale, cogliendo l’occasione di Vado Sicuro per far lavorare insieme le classi. È il caso dell’Ipsia Enzo Bari di Badia Polesine, dell’Ipsia Colombo di Porto Tolle, ma anche di scuole medie come quella di Lendinara, Badia, Grignano: i ragazzi hanno “giocato” con gli strumenti multimediali, producendo lavori sul concetto di sicurezza e di regola.

E c’è anche chi ha presentato bellissimi disegni, come l’Isa di Castelmassa o chi si è cimentato in racconti, poesie e testi rap, come i ragazzi della scuola secondaria di primo grado di Grignano Polesine. Impossibile citarle tutte, ma colpisce l’impegno che gli insegnanti hanno messo come sempre nel progetto: è un segnale che Vado Sicuro viene apprezzato come valido strumento per fare educazione stradale e che l’educazione stradale viene considerata una “materia” fondamentale a scuola, 

“L’educazione stradale - sottolinea il presidente della Provincia di Rovigo Marco Trombini - può dare un grandissimo contributo alla formazione della consapevolezza della norma come valore etico - civile, alla costruzione dell’autonomia e del senso di responsabilità, al rispetto e solidarietà come stile di vita. Il nostro territorio si batte da molti anni per il perseguimento di questo obiettivo e gli insegnanti in questo processo un ruolo fondamentale, perché la prevenzione dei comportamenti a rischio e l’acquisizione delle regole iniziano dai primi anni di vita e costituiscono un elemento fondamentale nei processi formativi della personalità di bambini e ragazzi”.

Al fianco della Provincia di Rovigo c’è, ormai da nove edizioni, Adriatic Lng, la società che gestisce il terminale di rigassificazione collocato al largo delle coste venete, che da tempo contribuisce a realizzare e valorizzare iniziative sportive, culturali ed educative in Polesine. Adriano Gambetta, responsabile della base di terra di Adriatic Lng afferma: “la sicurezza è la nostra priorità e cerchiamo di promuoverla anche all’esterno della nostra Società attraverso progetti rivolti ai giovani. Il crescente successo di Vado Sicuro, a cui ogni anno partecipano migliaia di ragazzi, testimonia il forte valore sociale di questo progetto che mira a educare i giovani cittadini del Polesine attraverso prevenzione, formazione e informazione”.

A sostenere Vado Sicuro e ad applaudire i ragazzi e gli insegnanti c’erano proprio tutti: Giovanni Rossi, consigliere Provincia di Rovigo, Ezio Conchi, vice sindaco Comune di Rovigo, Cristina Rizzi, consigliere delegato alla cultura e all’istruzione e al turismo del Comune di Trecenta, Claudio Silvestrin e Alberto Toffanin, polizia stradale per il Veneto - Sezione di Rovigo – ispettore superiore Sups, capitano Riccardo Cremone, guardia di finanza comandante compagnia di Rovigo, capitano Nicola Digesare, carabinieri – Comando provinciale di Rovigo, Giovanni Tesoro, comandante Polizia Locale Rovigo, Antonio Argenziano, ufficio motorizzazione civile di Verona, sezione di Rovigo, Lorenza Gallo, dipartimento di prevenzione - azienda Ulss 18 Rovigo, Andrea Finessi, dipartimento di prevenzione - azienda Ulss 19 Adria, Marco Cavallaro, direttore Centro Commerciale La Fattoria che ha ospitato l’evento, Ferdinando Pezzuolo e Paolo Zennaro per Rovigo Banca, Mario Contato coordinamento Antares, Alessandro Bozzolan pilota e istruttore di Guida Sicura.

Per le secondarie di primo grado la menzione speciale per il lavoro realizzato con un buono acquisto da 150 euro è arrivata alla scuola secondaria Buzzolla Adria, Gherardini di Badia Polesine e Don Silvio Marchetti di Loreo. Terzo premio con buono da 200 euro alla scuola secondaria Alighieri di Occhiobello, secondo premio con 250 euro alle Casalini di Rovigo e primo premio da 300 euro alla secondaria di Grignano Polesine e A. Mario di Lendinara. Vincono 1 buono acquisto da 100 euro: Marin Sanudo il Giovane di Rosolina, Leonardo da Vinci di Papozze, Palladio di Fratta Polesine e Mons. S. Porta di Villanova del Ghebbo.

Per le superiori invece la menzione speciale per il lavoro realizzato con un buono acquisto da 150 euro è arrivata al liceo artistico Munari di Castelmassa, il terzo premio con un buono acquisto di 200 euro il Primo Levi sede Luigi Einaudi di Badia Polesine, secondo con un buono di 250 euro all’Ipsia Enzo Bari di Badia Polesine ed il primo premio di 300 euro all’Ipsaa Bellini di Trecenta. Vincono un buono acquisto da 100 euro il liceo Bocchi-Galilei di Adria e l’Ipsia Colombo di Porto Tolle. 

20 maggio 2016
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe