RUGBY Il Villadose di coach Flaviano Brizzante ha vinto il triangolare in programma il 17 settembre per ricordare l’ex presidente Remigio Barbierato

I Centurioni vincono il Memorial Barbierato 

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

La targa ai vincitori del Fulvia Tour è stata consegnata dalla signora Barbierato. Per l’indimenticabile Remigio tanti sinceri applausi anche a fine gara. Durante la partita è giunta la notizia della scomparsa di Milto Baratella (LEGGI ARTICOLO). Tutte le squadre si sono unite in un minuto di raccoglimento.


Villadose (Ro) - C’erano tutti i rappresentanti dell’Asd Villadose rugby ad accogliere la famiglia Barbierato in questa giornata di sport intitolata alla memoria di Remigio, già presidente del sodalizio neroverde. Un minuto di raccoglimento ha anticipato le partite, la prima delle quali in programma prevedeva il confronto con gli amici dell’ex Progetto Basso Veneto, ossia il quindici di Monselice. Per coach Brizzante si trattava, come aveva già dichiarato, di provare nuove soluzioni, di verificare qualche schema sperimentato in allenamento. E’ evidente che la valutazione deve considerare il valore degli avversari, tuttavia il numero delle mete e la loro costruzione, oltre ad alcune performance personali, dovrebbero aver soddisfatto l’allenatore. Senza dubbio contenti sono stati i circa 400 spettatori che più volte hanno applaudito a scena aperta i Centurioni locali. 

Col Monselice la partita si chiude sul 42 – 14 con lo score che registra sei mete, tutte trasformate, dei padroni di casa. Toccano Bovolenta, due volte, Gregg Masin, Borsetto, Massi Pellegrini e Pravato. Per gli ospiti è l’ex Brasolin che mette a segno tutti i 14 punti. Brizzante schiera Massi Pellegrini all’apertura per una prova più che sufficiente e gratificata anche da una meta. Poi “ Scoppio” Piombo all’estremo ha fatto vedere belle cose, e si è percepito che sta prendendo esperienza nel ruolo. Le ali Pravato e Bovolenta, hanno fatto il loro e le marcature lo testimoniano. Sicurezza ed esperienza ai centri con Melarato ed il sempre verde Emanuel Pellegrini a difendere, come sanno, ma anche ad attaccare per il piacere di tutti. Terze linee sugli scudi per efficacia e resa: “Gregg” Masin, “Patch” Pellegrini, ed Angelo Zerbinati. In seconda Enrico Brizzante, figlio d’arte, di fatto fa il capitano e ne ha il cipiglio e la gestualità giusta. Accanto a lui, quello vero, il monumentale Stefano Cappellini, oggi autore anche di alcuni break efficaci. In prima linea come non applaudire il non ancora diciottenne Christian Tenan guidato, lì, vicino, dal più maturo Borsetto, autore di una meta da trequarti. finta e tocco in mezzo ai pali. A destra, infine, Mattia Galasso, il Centurione per eccellenza, visto l’aspetto, la determinazione e la forza. Anche lui autore di break devastanti.

Pausa per un quarto d’ora e sotto col secondo incontro è il momento di affrontare i cadetti del Valpolicella. La loro difesa, la volontà c’era tutta e si vedeva, dura otto minuti. E’ Masin che li stende con un assolo da 50 metri semina mezza squadra avversaria e tocca alla bandierina di destra. Poi, manco a dirlo, sono ancora Pravato e Bovolenta a marcare, dopo azioni corali e ripetute da parte dei neroverdi. Finisce il primo tempo sul parziale del 17 – 0 (solo una trasformazione). Il secondo tempo è la fotocopia del primo perché aggiunge gli stessi punti, 17, a quelli del primo. Marcatori ancora Bovolenta, poi Previato, subentrato a Baracco, e Centurione, alias Mattia Galasso. 

“Sono contento della prestazione - ha commentato il ds Moscardi - e dell’impegno visto in campo. Avere 30 ragazzi che, nonostante la rotazione, hanno dimostrato grande motivazione ed entusiasmo. Lo spirito dei Centurioni si sta sedimentando. La squadra con lo spirito di squadra c’è, alla grande. Bravi ragazzi. Bravi Brizzante e Nalin.“ Soddisfatto anche Flaviano Brizzante: “Touche da migliorare come le fasi statiche. Degli esperimenti sono soddisfatto, soprattutto per i ruoli di estremo e apertura “. Infine l’ultima partita tra il Monselice ed il Valpolicella ha visto i primi dominare e vincere per 55 – 0. La targa ai vincitori del Fulvia Tour è stata consegnata dalla signora Barbierato. Per l’indimenticabile Remigio tanti sinceri applausi anche a fine gara. Durante la partita è giunta la notizia della scomparsa di Milto Baratella. Tutte le squadre si sono unite in un minuto di raccoglimento.

Monselice Rugby: Brigo, Mesciano, Banzato, Gallo, Rossi, Brasolin, Fonduli, Curto, Roveran, Ferron, Borin, Cibotto, Berto, Zaggia, Trovade, Mason. All.: Stefano Sandonnini

Valpolicella Rugby: Savi, Zemorin, Burati, Bettin, Cevese, Canova, Molon, Leardin,, Cargan, Marai, Zanatta, Montresor, Lombardi,, Ambrosi, Avesan. All.: Stefano Ciprian

Villadose: Azzalin, Baracco, Bolognese, Borsetto, Bovolenta, Brizzante, Cappellini, Ceccolin , Dal Checco, Dall’Ara, Frattura, Galasso, Greggio Masin, Grigolato, Lazzaretti, Marangoni, Melarato, Moda, Moscardi, Ottoboni, Pellegrini, Pellegrini, Pellegrini, Pinato, Pravato, Prearo, Previato, Puckov, Ritrovato,  Rizzi, Tenan, Zerbinati. All. Flaviano Brizzante

Arbitri: Riccardo Bonato (ventunenne) e Lorenzo Sacchetto (venticinquenne) di Rovigo

 

17 settembre 2016
Bancadria 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni