RUGBY ROVIGO La richiesta è semplice, e merita l’appoggio di tutti. Intitolare la strada dello stadio Battaglini (Ingresso tribuna Lanzoni) a Milto Baratella

Il Panathlon e la città ovale scrivono al Sindaco

La richiesta è semplice, e merita l’appoggio di tutti. Intitolare la strada dello stadio Battaglini (Ingresso tribuna Lanzoni) a Milto Baratella
Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

50 firme di un peso specifico enorme, a cui si aggiunge una lettera del presidente del Panathlon club Rovigo, l’avvocato Federico Cogo. Chiamato in causa il sindaco Massimo Bergamin da cui si attende una celere risposta. Molto Baratella era l’ultimo pioniere rimasto in vita (LEGGI ARTICOLO), ci ha lasciato pochi giorni fa, e la richiesta dei ‘Rossoblu per sempre’ è non solo legittima, ma assolutamente sottoscrivibile.

LEGGI L’ARTICOLO SUI FUNERALI DI MILTO BARATELLA


Rovigo - Una raccolta firme di ‘Rossoblù per sempre’ che a Rovigo hanno fatto la storia di questo sport. Giocatori, dirigenti, parenti di icone che con la maglia dei Bersaglieri hanno portato in alto il nome della città. Giuliano Baccilieri, Doriano Barion, Graziano Barion, Michele Bazzeato, Daniela Belinazzo, Luciano Bolzoni, Adriano Borile, Paolo Brizzante, Renzo Bullo, Andrea Cavecchia, Carlo Checchinato, Vittorio Cogo, Coltro Fabio, David Dal Maso, Dino De Anna, Elio De Anna, Luciano Degan, Massimiliano Dolcetto, Mattia Dolcetto, Rosita Favaron, Pierluigi Franco, Fabrizio Frezzato, Giacomo Gnesini, Marco Lucchin, Tito Emilio Lupini, Gianni Macignato, Fabiano Medea, Alberto Moscardi, Alessandro Moscardi, Nicola Moscardi, Alberto Osti, Eusebio Passarotto, Roberto Pedrazzi, Mauro Quaglio, Pietro Reale, Nino Rossi, Attilio Roversi, Michele Salvan, Raffaello Salvan, Rocco Salvan, Stefano Salvan, Andrea Scanavacca, Matteo Suriani, Daniele Toffoli, Edgardo Venturi, Fabrizio Vicariotto, Angelo Visentin, Mirco Visentin, Adriano Zamana, e l’attuale presidente della FemiCz Rovigo, Francesco Zambelli. La richiesta è semplice, intitolare la strada che collega via Alfieri con via Alcide De Gasperi a Milto Baratella, scomparso all’età di 87 anni qualche giorno fa (LEGGI ARTICOLO). Il 26 settembre a tale richiesta si è aggiunta anche quella del presidente del Panathlon di Rovigo. L’avvocato Federico Cogo auspica, sin d’ora, che l’amministrazione Comunale ed il sindaco Massimo Bergamin, condivida tale proposta. Verrà anche illustrata nella conviviale del 29 settembre presso l’Hotel Cristallo, una serata speciale dedicata alla Rugby Rovigo campione d’Italia (LEGGI ARTICOLO), a cui il sindaco (invitato) non può mancare. 

“Milto Baratella è stato una delle figure più significative della Rugby Rovigo - spiegano nella lettera invitata al sindaco Bergamin i Rossoblu per sempre - prima come giocatore, conquistando con la gloriosa maglia rossoblù ben cinque titoli italiani, poi, distinguendosi come allenatore, dirigente e direttore sportivo. 

Tra i molteplici ruoli da egli assunti, dopo le brillanti stagioni di eclettico giocatore, riteniamo fondamentale evidenziare l’importante ruolo che egli ha svolto in veste di allenatore del settore giovanile della Rugby Rovigo degli anni 60. 

Baratella, infatti, è stato l’uomo che ha gettato le basi, tutt’oggi ancora solide nel tessuto sociale polesano, che hanno proiettato il movimento giovanile rodigino verso i più nobili obiettivi sportivi, fondati sull’orgoglio di appartenenza e attaccamento alla rodiginità, facendo in modo che si consolidasse, nei giovani aspiranti rugbysti una passione che ha contribuito in maniera indelebile a far grande la storia sportiva della Rugby Rovigo, dichiarata di recente dalla Giunta Comunale locale Patrimonio della Città. 

Come Dirigente e Direttore Sportivo, Milto Baratella ha svolto un servizio encomiabile, sia per i tanti anni dedicati alla causa rossoblù con incarichi ufficiali, soprattutto nei momenti più difficili, sia per la costante vicinanza alle sorti del Rovigo della palla ovale anche quando non ricopriva ruoli formali. 

Ne sono testimonianza, alla notizia della sua dipartita, i sentimenti di stima e affetto pervenuti a tutta la cittadinanza di Rovigo, dagli amici gallesi, sudafricani e australiani, passati in città come giocatori quando Milto ricopriva un ruolo di rappresentante la Rugby Rovigo. 

La sua fedeltà all’ideale della famiglia rossoblù ha fatto si che, fino al giorno prima di passare a miglior vita, è stato presente con la sua impareggiabile competenza a dispensare perle di saggezza sportiva nella sede della Rugby Rovigo Junior”.

Il numero uno è l’unico civico presente nel tratto di strada interessato, ed è dello stadio Mario Battaglini (attualmente è il 46 di viale Alfieri) dove ha anche sede la società rossoblu. Sarebbe un bel gesto da parte dell’Amministrazione comunale. 

 

28 settembre 2016
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni