BAMBINI ROVIGO Un successo la chiusura di "E... State ai Grandi fiumi", proposta dall'amministrazione comunale in collaborazione con Aqua srl

Un'animazione diversa: piena di cose da fare e imparare

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

La festa conclusiva non è stata altro che il coronamento di una estate speciale, per i bimbi che hanno scelto, con le loro famiglie, di frequentare l'animazione della società Aqua



Rovigo - Una bellissima festa con tantissimi ragazzi, genitori, nonni e zii, ha concluso il campus estivo “E... State ai Grandi Fiumi” al Monastero degli Olivetani. L’iniziativa, voluta dall'amministrazione comunale di Rovigo e realizzata da Aqua srl, gestore dei servizi museali, si è tenuta dal 20 giugno per tutto il periodo estivo,  coinvolgendo 118 bambini e ragazzi di età compresa dai 5 ai 13 anni presenti nei tre mesi di attività.

Aqua ha scelto di strutturare in maniera inusuale l’animazione estiva, avvalendosi della collaborazione di alcuni importanti partner esterni per coordinare le molteplici attività. Oltre al gioco, sempre presente, i bambini sono stati visti  come “cittadini attivi” nella piccola comunità che si è venuta a creare. In questo modo, i ragazzi sono stati invitati ad agire in autonomia, sviluppando le proprie abilità e acquisendo nuove nozioni.

Ogni lunedì i partecipanti  hanno potuto conoscere l’attività della  Ciclofficina con Antonio Gambato, del laboratorio “La Formichina” di Arcisolidarietà. Il referente del progetto, e i suoi collaboratori, oltre ad aver insegnato ai bambini i rudimenti della meccanica della bicicletta, hanno ricreato un percorso stradale, con annessi segnali e strisce pedonali, nella sicurezza del giardino del Monastero, invitando i ragazzi a spostarsi con le bici messe a disposizione dell’associazione. Il gioco è stato quindi unito all’insegnamento di norme di educazione civica.

I martedì sono stati  intervallati da due diverse attività, team building realizzata da Giada Milan, educatore museale di Aqua, e Che mi combini Tommaso? con la collaborazione del Serd (Servizio per le dipendenze, ex Sert) della Ulss 18 di Rovigo, nella persona di Sandra Ferrari. 

La prima per favorire lo sviluppo della capacità di lavorare in gruppo, creando momenti ludici nel corso dei quali, sempre giocando, i ragazzini hanno familiarizzato con la lingua Inglese.  L'altra si è svolta attraverso l’ausilio di un racconto di storie e l’alternanza di momenti di discussione e momenti ludici, sensibilizzando i ragazzi riguardo i danni provocati dal consumo di alcolici.

Il mercoledì, invece tutti coinvolti nella grande installazione museo al cubo con l’educatore museale Luciana Marchetto che ha guidato i bambini alla scoperta del Museo dei Grandi Fiumi con visite nelle sale espositive e successivi laboratori a esse collegati. A seguire, il giovedì l’attività è stata  curata dal Wwf di Rovigo, il cui referente è stato Roberto Guzzon finalizzata alla responsabilizzazione dei ragazzi, al trasmettere loro il rispetto per la natura, ora più che mai necessario negli adulti di domani. Ha così preso vita l’orto dei semplici, realizzato nell’omonimo giardino interno al Monastero, e curato in ogni suo passaggio in totale autonomia dai “giovani giardinieri”. 

Infine i venerdì sono stati  dedicati alle uscite fuori chiostro molto apprezzate da bambini e genitori mirate a far conoscere ai ragazzi la città di Rovigo, con attività da svolgere nei vari parchi cittadini. Vale la pena citarne alcune particolarmente gradite, quella al Polo Natatorio Rhodigium, grande è stato inoltre il divertimento al parco avventura di Roverdicré, aperto in via esclusiva e  all’orto didattico il profumo della freschezza di Lusia. 

Gli utenti hanno confermato la qualità del servizio offerto nell’intero periodo del Campus, il passaparola ha favorito il continuo afflusso di nuovi iscritti.  La festa finale del 9 settembre è stata un successo. La serata si è conclusa verso le 20.30 con la gradita degustazione di cocktail analcoolici preparati dai ragazzi, attività che hanno appreso con Sandra Ferrari del Serd.

28 settembre 2016




Correlati:

Fondazione Cariparo Culturalmente