PARCHEGGIO ROVIGO Don Gianni Vettorello contro la cattiva abitudine di alcuni automobilisti. "Se lo avessero fatto due ragazzini con la moto avrebbero chiamato l'esercito..."

Il parroco contro il posteggio selvaggio

Musikè fondazione cariparo

"Peccato che certi adulti non riescano proprio a essere di esempio". E' l'amaro commento di don Gianni Vettorello, a lungo sacerdote alla Rotonda, oggi a San Bortolo, dopo essersi imbattuto in un caso di quello che giudica "posteggio selvaggio" sul lato del Tempio della Rotonda di Rovigo



Rovigo - "Quando la legge non è uguale per tutti. Se fossero stati due ragazzini con la loro moto a posteggiare in fianco alla Rotonda avrebbero chiamato Putin con l'esercito. Peccato che certi adulti non riescano proprio a essere di esempio". E' la constatazione, affidata alla propria bacheca social, da parte di don Gianni Vettorello, a lungo parroco alla Rotonda, ora a San Bortolo.

Il sacerdote se la prende con l'abitudine di alcuni adulti di lasciare l'auto in sosta dove, a suo avviso, non dovrebbero. Ossia sul lato del Tempio. Ma non solo: evidenzia anche come vi sia una diffusa tolleranza verso atteggiamenti del genere, laddove invece si è sempre pronti a stigmatizzare presunte "malefatte" da parte dei ragazzi e adolescenti che vivono in zona.

14 novembre 2016




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017