STALKING ROSOLINA (ROVIGO) Si apre il processo a carico di un 33enne di Adria, la maggior parte degli episodi sarebbero stati commessi tra Rosolina e Porto Viro

"Chiusa e in casa e via da Facebook per paura dell'ex"

Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017
Ancora un processo per stalking ai danni di una donna, che sarebbe stata tormentata da parte dell'ex. In questo caso un 33enne della zona di Adria, che avrebbe messo in atto, tra 2013 e 2015, comportamenti persecutori nei confronti della ex compagna

Rosolina (Ro) - Stalking, ossia atteggiamenti persecutori che un 33enne residente in zona Adria, avrebbe messo in atto ai danni della ex compagna. Il "tormento" sarebbe durato per circa due anni, tra 2013 e 2015 e si sarebbe concretizzato, chiaramente secondo la ricostruzione dell'accusa, che dovrà essere vagliata nel corso del dibattimento, in una molteplicità di comportamenti.

Ci sarebbero stati offese, pedinamenti, "incursioni" nei locali e nei luoghi frequentati dalla giovane, sia a Rosolina che a Porto Viro, ma anche offese al suo nuovo compagno. Alla fine la giovane sarebbe stata costretta a modificare le proprie abitudini di vita, comprese anche quelle "virtuali", dal momento che avrebbe dovuto chiudere il proprio profilo Facebook.

La prima udienza del procedimento, dedicata alle formalità, si è tenuta nella mattinata di lunedì 5 dicembre ed è stata dedicata essenzialmente alle formalità. A tutelare la giovane, l'avvocato di parte offesa Luca Azzano Cantarutti di Adria.
5 dicembre 2016
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe