IL CASO A ROVIGO Denunciati anche due chef per diffamazione. Al centro di tutto la presunta scoperta del Tg satirico secondo cui il vincitore (annunciato) del cooking show aveva già lavorato come chef in precedenza

"Mastechef" Callegaro querela "Striscia": "E' stalking"

Seren automobili affiliazione nov-dic-gen 2017

Stefano Callegaro, il polesano vincitore della edizione 2015 del cooking show "Masterchef", vuole portare in Tribunale "Striscia la notizia" - che lo avrebbe perseguitato - ma anche due chef o comunque esperti di cucina che lo avrebbero diffamato. La Procura, nella persona del sostituto Monica Bombana, aveva domandato la archiviazione del procedimento, ma l'avvocato di Callegaro si è opposto



Rovigo - L'edizione 2015 di "Masterchef", il reality che vede aspiranti chef confrontarsi ai fornelli, non è ancora finita. Non del tutto: c'è una coda che porta dritta in Tribunale a Rovigo, nata dalle querele per diffamazione e stalking presentate dal vincitore, il polesano Stefano Callegaro, seguito dall'avvocato Franco Portesan di Adria.

Secondo Callegaro, i giornalisti di "Striscia la notizia" lo avrebbero perseguitato, seguendolo ovunque, intervistando varie persone e facendo domande su di lui, appostandosi dove sapevano lo avrebbero trovato. Altri due chef, o comunque esperti di cucina, lo avrebbero invece diffamato, sostenendo che non era un "autodidatta", ossia un talentuoso dilettante non professionista, come richiesto dal regolamento della trasmissione, ma aveva già lavorato come chef o comunque nel settore della cucina e della gastronomia.

Quattro in tutto le persone indagate a seguito della querela. Con la Procura di Rovigo che, nella persona del sostituto Monica Bombana, aveva chiesto l'archiviazione, non ravvisando ipotesi di reato nella vicenda. Un esito opposto da parte dell'avvocato Portesan. Si arriva quindi all'udienza a porte chiuse di mercoledì 7 dicembre, nel corso della quale le parti si sono confrontate con il giudice per le indagini preliminari Alessandra Martinelli. Tra i difensori dei quattro indagati, gli avvocati Anna Osti e Lorenza Munari di Rovigo.

Tutto, secondo la ricostruzione portata in aula, comincia sul finire dell'edizione 2015 della trasmissione, quando "Striscia" rivela in anticipo che Callegaro avrebbe vinto, cominciando a sostenere che avrebbe già lavorato come chef. Da qui i servizi, gli appostamenti, le interviste, la consegna del "Tapiro d'Oro". Attenzioni assillanti, secondo Callegaro. Da qui l'ipotesi di stalking.

Nel corso di questa attività, sarebbero state raccolte anche due testimonianze di persone che segnalavano come Callegaro avesse già lavorato in cucina. Da qui l'accusa di diffamazione, dal momento che il polesano si sarebbe visto attribuire un comportamento in contrasto con i requisiti del programma. 

Il giudice, come di rito in questi casi, udite le argomentazioni delle parti si è presa qualche giorno per decidere.

7 dicembre 2016
Deltauto 468x60




Correlati:

Chef Academy 730x90