OMICIDIO BADIA POLESINE (ROVIGO) Al momento non sono stati presi provvedimenti, nei confronti di Giorgio Pasqualini, 68 anni, ex cuoco. Sarebbe lui ad avere reagito a una intrusione nella sua abitazione

Dopo una vicenda di droga, si trovava nella sua abitazione

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni
Al momento non ci sono certezze e i carabinieri della Compagnia di Rovigo, con il luogotenente Domenico Maduri, e quelli del Nucleo investigativo, con il maggiore Francesco Dotto, comandante del Reparto operativo, stanno cercando di chiarire quanto accaduto nella abitazione di via Finzi, dove nella notte di Capodanno sarabbe stato commesso un omicidio (LEGGI ARTICOLO)

Leggi gli sviluppi sulle indagini dell'Omicidio di Capodanno


Badia Polesine (Ro) - Si scava senza sosta, per capire quanto accaduto nell'abitazione di via Finzi a Badia Polesine, teatro di un omicidio nella notte di Capodanno. Al momento - giusto precisarlo - non ci sarebbero certezze di alcun tipo e le prime ricostruzioni vanno considerate quelle che sono, ossia ipotesi. A coordinare gli accertamenti, dopo il primo intervento dei carabinieri della stazione e della Compagnia, col luogotenente Domenico Maduri che in questi giorni è al comando, il sostituto procuratore della Repubblica Andrea Girlando.

Da identificare la persona che ha perso la vita, forse a seguito di un tentativo di furto, anche se questo aspetto appare da chiarire, mentre a colpire con un coltello sarebbe stato Giorgio Pasqualini, 68 anni, residente nell'abitazione teatro della tragedia. Era stato protagonista di una vicenda particolare, lo scorso marzo, quando i carabinieri lo avevano arrestato con l'accusa di vedere al dettaglio modiche quantità di cocaina. Un piccolo giro che avrebbe avuto come riferimento anche un locale.

Una vicenda che Pasqualini, seguito dall'avvocato Michele Ciolino di Rovigo, aveva ottenuto la possibilità di chiudere con un patteggiamento a due anni, non sospesi. Per il 68enne, ex cuoco, non si erano comunque aperte le porte del carcere, dal momento che aveva avuto la possibilità di restare a casa.

La sua posizione sarà ora approfondita, ma al momento non risultano provvedimenti a suo carico e si deve valutare se abbia agito per propria legittima difesa come, al momento, appare verosimile.
1 gennaio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe