CACCIA ROVIGO Lo ha deciso la Regione del Veneto, dopo il ritrovamento di un volatile selvatico risultato positivo a uno dei ceppi virali responsabili del contagio

Allarme aviaria, stop a chi spara in deroga

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Sospesa la caccia in deroga, con la Regione del Veneto che ha immediatamente dato attuazione a quanto disposto dai ministeri in casi del genere, in una ottica di massima tutela



Venezia - A seguito dell'individuazione di uno dei ceppi virali responsabili dell'influenza aviaria in un esemplare di avifauna selvatica rinvenuto nella laguna di Grado, anche la Regione Veneto ha attivato subito tutte le misure operative previste dal protocollo comunitario e nazionale in materia. Sono pertanto sospese tutte le deroghe concernenti alcune attività venatorie che possano aumentare i rischi legati alla diffusione dell'influenza nel territorio regionale e tra queste quelle che coinvolgono i Caradriformi e gli Anseriformi.

"La Regione Veneto ė stata tra le prime ad attivarsi a seguito della segnalazione del ministero della Salute", sottolinea l'assessore regionale alla Caccia Giuseppe Pan, che, in stretta sintonia con l'assessore alla Sanità, Luca Coletto, sta monitorando i vari aspetti della questione e assumendo i necessari provvedimenti.

"Quanto accaduto negli anni scorsi in materia di influenza aviaria ha consentito di mettere a punto una rete comunitaria, nazionale e regionale di allerta che, grazie alla supervisione dell'Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie di Legnaro, che opera quale centro di referenza nazionale, ha consentito una immediata attivazione a livello locale – prosegue Pan -  Mentre sono già in fase di adozione i provvedimenti che limitano alcune attività venatorie, ho già provveduto ad informare le strutture amministrative e i corpi di polizia a livello provinciale, oltre a tutte le associazioni venatorie”.

 “In questa vicenda – mette in luce l’assessore - risultano fondamentali l'immediata risposta da parte del territorio e il modello di coordinamento operativo e gestionale in materia di vigilanza venatoria che ha costituito la base del recente provvedimento di legge, proposto dalla Giunta, e approvato in modo condiviso dal Consiglio regionale".

"Il rinvenimento del selvatico colpito da aviaria ha immediatamente attivato questo protocollo operativo – spiega ancora Pan – dimostrando l’efficacia del monitoraggio territoriale capillare e continuo che ha come finalità anche la tutela sanitaria delle popolazioni di fauna selvatica”.  

“Il controllo territoriale e l’immediata attuazione delle misure coordinate di vigilanza straordinaria smentiscono con i fatti – conclude l’assessore regionale al primario -  quell'idea riduttiva di un settore venatorio, attento solo al mero consumo del patrimonio faunistico veneto. La gestione corretta di questo caso di aviaria  e delle correlate misure di biosicurezza rappresenta una ulteriore opportunità  per valorizzare l'impegno vero del servizio venatorio e per mettere in un angolo comportamenti negativi prima ancora che sanzionabili".

4 gennaio 2017




Correlati:

Seren automobili affiliazione feb-mar-apr 2017