TRIATHLON ROVIGO A portare più in alto il vessillo Rhodigium Team fuori confine è stato senza dubbio il formidabile Omar Bertazzo. E’ lui, senza dubbio, la grande sorpresa dell’anno appena andato in archivio

Un 2016 da incorniciare ed un grande evento in programma

Aglio
Bertazzo
Da sinistra Trombini e Fusetti
Franzoso
Nicola Battocchio
Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017

Dal record di iscritti al primo Aquathlon "Città di Rovigo", dagli Ironman di Franzoso e Fusetti ai Mondiali australiani di Bertazzo: per la Rhodigium Team va in archivio un anno strepitoso. E il 14 gennaio Rovigo ospita la "Festa del Triathlon Veneto" (LEGGI LA LISTA DEI PREMIATI)


Rovigo - Si è da poco concluso un anno strepitoso per la Rhodigium Team. Il 2016 ha confermato la straordinaria crescita della società rodigina, insediatasi stabilmente nei piani nobili del triathlon nazionale e capace ormai di presentarsi al via anche di alcune delle gare internazionali di maggior richiamo.

Il dato forse più significativo degli ultimi 12 mesi è quello relativo ai tesserati, che hanno toccato complessivamente quota 110. A gonfiarsi soprattutto i numeri relativi alle fasce di età più basse, segno che l’impegno costante e i grandi investimenti nelle nuove generazioni stanno dando i loro frutti. Il 2016 verrà infatti ricordato come l’anno in cui la Rhodigium Team ha ufficialmente aperto il proprio settore giovanile in collaborazione con la Rhodigium Nuoto, società dalla quale sono arrivati diversi promettenti atleti per cimentarsi con la triplice disciplina. Non solo forti atleti esperti, dunque, ma anche tanti campioni in erba pronti a sbocciare.

Impossibile non inserire tra i cardini del bilancio 2016 la prima manifestazione agonistica della città: l’Aquathlon “Città di Rovigo”, disputatosi al Polo Natatorio il 22 maggio. Un evento organizzato alla perfezione, che ha richiamato partecipanti da tutto il Triveneto.

Restando nel campo delle “prime volte”, l’anno che va in archivio ha fatto registrare il primo crono di un atleta nerazzurro, e in generale polesano, sotto il muro delle 10 ore nell’Ironman (3,8 km nuoto, 180 km bici, 42 km corsa): quella di Paolo Franzoso a Klagenfurt è stata solo la più brillante di tante altre imprese portate a termine in una stagione davvero superlativa (per lui due full distance in due mesi!). Grazie a Sara Fusetti la Rhodigium Team può annoverare in squadra anche la prima finisher polesana in un Ironman: a Venezia per lei è arrivata anche la slot per gli internazionali 70.3 del 2017.

A portare più in alto il vessillo Rhodigium Team fuori confine è stato senza dubbio il formidabile Omar Bertazzo. E’ lui, senza dubbio, la grande sorpresa dell’anno appena andato in archivio: avvicinatosi al triathlon solo in primavera, ha stupito subito a suon di risultati conquistando una incredibile qualificazione ai Mondiali 70.3 disputatisi a Sunshine Coast in Australia lo scorso settembre.

Impossibile dimenticare Marco Bagnani, campione regionale Juniores sulla distanza olimpica, e il presidente Enrico Novo, campione regionale di aquathlon. Ma gli applausi sono davvero per tutti i triatleti della Rhodigium Team che si sono sempre presentati numerosi sui tanti campi di gara del calendario, ottenendo spesso e volentieri podi e ottimi risultati. Merito dell’impegno e dei grandi sacrifici di ognuno, ma anche del tecnico Stefano Bortolami, già pluricampione italiano, che nel corso del 2016 ha intensificato la cura dei propri atleti, seguendoli da vicino in acqua e in pista di atletica.

Dando un po’ di numeri, sono 12 i triatleti che lo scorso anno hanno completato almeno un Ironman, 37 quelli che hanno tagliato il traguardo di un “medio” (1,9 km nuoto, 90 km bici, 21 km corsa). In bacheca sono finite 28 medaglie grazie a una partecipazione massiccia alle gare Fitri, con 230 presenze complessive in 39 eventi. Numeri importanti, numeri di una società diventata grande. Non a caso la Rhodigium Team si è piazzata al 60esimo posto su 394 società nella classifica nazionale.

Anche in ragione di ciò appare meritata l’assegnazione al presidente Enrico Novo della carica di delegato provinciale Fitri. E proprio la federazione di Rovigo organizzerà in collaborazione con la Rhodigium Team la prossima “Festa del Triathlon Veneto 2016”. L’appuntamento è per il 14 gennaio nel Salone del Grano della Camera di Commercio di Rovigo per un evento finalizzato a ricordare i tanti campioni e traguardi raggiunti lo scorso anno. 

 

 

5 gennaio 2017




Correlati:

  • Quando il terrore si portò via 21 persone

    25 APRILE ROVIGO Gli alunni delle classi quinte della scuola primaria Giovanni Pascoli incontrano il regista Alberto Gambato in occasione del 72° anniversario della Liberazione

  • La carica dei mille

    GIOCAGIN UISP ROVIGO Non solo sport, ma anche quest'anno ha visto come leit motiv la solidarietà in favore delle popolazione colpite dalla guerra 

  • Doppia penalizzazione per i vigili urbani

    POLIZIA LOCALE ROVIGO Cristina Garbin, Uil fpl, torna a dar voce agli agenti, denunciando, oltre alla sospensione dell’indennità, anche la cancellazione delle ore di straordinario

  • Grande partecipazione degli studenti 

    UISP ROVIGO GIOCAGIN La Scuola Media Ghirardini, sabato 22 aprile al Palasport, ha partecipato con un team di 35 alunni e con ben 12 coreografie 

  • Grande festa a cinque cerchi

    CONI ADRIA (ROVIGO) Giovedì 20 aprile 2017 i giovani protagonisti sul palcoscenico dello sport polesano. Ospite d’eccezione il campione Francesco Bettella 

  • Solidarietà e movimento

    UISP ROVIGO Al Palasport di via Bramante sabato 22 aprile è tempo di Giocagin. Appuntamento alla mattina con gli studenti e nel pomeriggio e la sera giovani, adulti ed anziani 

  • Sei frecce nerazzurre nel vento dell’Irondelta

    TRIATHLON ROVIGO Michele Aglio (Rhodigium Team) è stato il più veloce del plotone nerazzurro: per lui decima piazza di categoria

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe