AMBIENTE E NATURA ROVIGO I componenti dell'Associazione culturale naturalistica Sagittaria hanno pubblicato il censimento di tutti gli uccelli frutto di due giornate di appostamenti e avvistamenti

Una vita alla scoperta dell'avifauna del Delta del Po

Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017

Note positive, ma anche allarmi, frutto del resoconto della situazione dell'avifauna selvatica che dimora nel Delta del Po. Soprattutto, un grande lavoro che dà conto dell'amore e della passione che muove i componenti dell'Associazione culturale naturalistica Sagittaria



Rovigo - Le due giornate del 2 e 3 gennaio 2017 hanno permesso di fare una fotografia piuttosto realistica del popolamento di  avifauna acquatica svernante nell’area del Delta del Po.

"Questo - spiega l'associazione culturale naturalistica Sagittaria - grazie alla partecipazione di tanti rilevatori e alle condizioni meteo, da buone a perfette". Il tutto ha consentito di ottenere risultati importanti, corredati dalle foto di Davide Piva. 

"Anno record per il fischione, almeno per l’ultimo decennio: 66mila individui censiti - spiega il resoconto - Questa grande presenza fa presumere che nell’Est e al Nord le temperature siano veramente basse in questo periodo. Calate invece le volpoche rispetto agli ultimi due anni, presenti con 'solo' 11mila esemplari. Nella norma le altre specie più comuni di anatidi, con ottima presenza di morette comuni, invece, per l’area (240)".

"Poco più di 8mila i mestoloni e quasi 60 gli smerghi minori. Ottima presenza di limicoli, con oltre 160 beccacce di mare, vari voltapietre, moltissime avocette e un buon numero di pivieri dorati. I pancianera, invece, meno del solito, così come i fratini. Mancati i piovanelli maggiori. Tra le note negative l’albanella reale, sempre più scarsa e ridotta a meno di 10 esemplari, e le nitticore, calate notevolmente; niente beccapesci. Tra i rapaci hanno brillato un falco pescatore, rarità in inverno, diversi pellegrini e smerigli. 3.500 i marangoni minori ai roost, oltre 100 le spatole, migliaia i fenicotteri".

"Non sono mancate le rarità o specie inusuali per il periodo o solitamente scarse: 2 morette codone, vari gabbiani rosei e 1 solo corallino, svasso cornuto, zafferano, 7 gru, 1 lombardella (piuttosto scarsa nel Delta veneto…), 2 anatre spose, 1 anatra mandarina, 4 strolaghe mezzane, 3 quattrocchi, 3 orchetti, 13 orchi".

10 gennaio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Il problema della puzza sarà presto risolto

    AMBIENTE ROVIGO Dopo le proteste dei residenti di Cantonazzo sugli odori, il consigliere Michele Aretusini fa visita alla fabbrica tirata in ballo e ottiene la risposta del titolare. “Chiuderemo i portoni che danno sul paese”

  • Porcilaia: "Se va avanti così, pronta la denuncia"

    IL CASO A CEREGNANO (ROVIGO) Ivo Tegani, Tiziano Cagalli ed Emilio Paniccia, portavoci del comitato cittadino, domandano una soluzione al problema dei cattivi odori

  • "Immondizia non raccolta e caldo: è allarme sanitario"

    RIFIUTI ROVIGO Il consigliere comunale Antonio Rossini chiede un intervento deciso dell’amministrazione sulla gestione di cassonetti e rifiuti abbandonati. “Con questo caldo è un problema igienico-sanitario evidente” 

  • Una metropolitana, ma solo per ciclisti

    SERVIZI ROVIGO Prosegue la mappatura della città portata avanti dalla Federazione "Amici della bici", che pensa a vere proprie linee che colleghino differenti punti della città

  • Caccia ai topi: cento "trappole" per scoprire dove sono

    DISINFESTAZIONE OCCHIOBELLO (ROVIGO) Il Comune lancia la campagna di monitoraggio delle colonie, per poi procedere alla disinfestazione. Non ci saranno esche tossiche per altri animali

  • Quel mezzo milione di polli che spaventa il paese

    IL CASO A VILLADOSE (ROVIGO) Il Comitato Terre Nostre invia una lettera di diffida al Comune per impedire l'insediamento di un impianto da 58mila polli per nove cicli l'anno, per un totale di oltre 500mila animali

  • Per ora nessuno bonificherà l’area dai rifiuti

    CASO COIMPO ADRIA (ROVIGO) L’azienda fa ricorso contro l’ordinanza della Provincia, mentre si prova a recuperare i tre milioni dall’assicurazione - fallita - che aveva rilasciato le fideiussioni per la bonifica. Caos totale e incertezza massima

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe