POLIZIA LOCALE ROVIGO Incontro positivo per i sindacati dei vigili urbani che nella mattinata di martedì 31 gennaio hanno raggiunto l’accordo per l’indennità di turno. Presenti all’incontro il comandante Giovanni Tesoro, il dirigente Alfonso Cavaliere e l

Rifatti tutti i turni e ritorna la pace

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Accordo raggiunto per l’indennità di turno dei vigili urbani dopo l’incontro in Comune alla presenza del comandante Giovanni Tesoro, il dirigente Alfonso Cavaliere e l’assessore Antonio Saccardin. La decisione unilaterale del dirigente di sospendere l’indennità, non condivisa dal comandante (LEGGI ARTICOLO), aveva creato malumori evidenti tra gli agenti in servizio al comando di polizia locale di Rovigo. Ma martedì 31 gennaio si sarebbe risolto tutto e da febbraio partirà la nuova programmazione dei turni che permetterà ai lavoratori di ottenere l’indennità “Bastava usare il buonsenso”



Rovigo – Probabilmente sarebbe bastato soltanto un incontro per risolvere pacificamente la questione, così come alla fine è stato. Invece, la decisione unilaterale del dirigente Alfonso Cavaliere di sospendere l’indennità di turno ai vigili urbani aveva fatto drizzare i capelli ai sindacati, che attendevano una riunione sul tema e si sono visti invece recapitare agli agenti la sospensione dell’indennità. Ma tutti seduti dietro un tavolo hanno alla fine ottenuto un accordo, positivo. L’unico ad aver manifestato qualche problema è stato il comandante Giovanni Tesoro, che con il rispetto dei turni previsto per legge, per ottenere l’indennità, avrà a disposizione qualche agente in meno in comando la mattina, che dovrà invece fare il suo turno il pomeriggio. Torna ancora una volta a farsi insistente quindi il problema della mancanza di personale, che nonostante l’arrivo di due nuovi agenti, uno già in servizio l’altro in arrivo, non vede certo l’organico al completo, anzi. “Avrà un po’ meno personale la mattina – spiega Paolo Zanini, Cgil – ma è necessario per rispettare i turni. Così prevedono i criteri dell’indennità di turno”. 

I punti fissati nell’incontro di martedì 31 gennaio tra i sindacati, il dirigente del personale Alfonso Cavaliere, l’assessore Antonio Saccardin e il comandante Giovanni Tesoro, sono tre: il criterio per l’indennità di turno, la gestione delle situazioni eccezionali e la non incidenza (prevista dal contratto) della malattia sull’indennità. Senza entrare nel dettaglio tecnico, l’accordo è stato raggiunto con buona soddisfazione di tutti i presenti. 

“Finalmente si è messo in evidenza che per il servizio di polizia locale è fondamentale la programmazione mensile dei servizi che tenga conto delle esigenze organizzative connesse al servizio da erogare su 13 ore giornaliere – spiega Cristina Garbin, Uil – Questo associato al principio della distribuzione equilibrata e avvicendata dei turni previsto dalle norme che determina la sussistenza del turno e il diritto per i lavoratori coinvolti a percepire la relativa indennità. Ci hanno detto che da febbraio quindi partirà la nuova programmazione”.

Su queste ed altre questioni riguardanti l’amministrazione basta solo usare il buonsenso – commenta Paolo Zanini, Cgil – Basta quello per trovare una buona soluzione che salvaguardi i diritti dei lavoratori senza creare problemi alle amministrazioni”. 

31 gennaio 2017
Tecnostore Occhiobello 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017