SANITA' ADRIA (ROVIGO) Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria pronti alla mobilitazione, anche se avanzano alcune perplessità sulle scelte del sindaco Barbujani 

"Non dobbiamo consentire lo svuotamento dei servizi"

Deltablues 2018

Il sindaco di Adria Massimo Barbujani ha intenzione di organizzare una giornata di mobilitazione contro la serie di tagli e chiusure che stanno colpendo il Basso Polesine, all'indomani dell'unificazione delle due Ulss Polesane (LEGGI ARTICOLO). Una decisione che arriva dopo gli attacchi frontali lanciati dal Movimento 5 Stelle (LEGGI ARTICOLO) e dal consigliere comunale del Partito democratico Gino Sandro Spinello (LEGGI ARTICOLO



Adria (Ro) - "Apprendiamo che il sindaco propone per il 4 marzo una manifestazione pubblica in difesa dei servizi socio sanitari. Con chi ne ha parlato? Con la minoranza del consiglio comunale non si è degnato di confrontarsi, ne ha parlato almeno con i sindaci del Delta?". A porre le domande, per un tema caldissimo per la sanità di Adria e del Basso Polesine, sono gli schieramenti politici di Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria, che si rivolgono al primo cittadino Massimo Barbujani.

Quest'ultimo ha annunciato la mobilitazione generale dopo le notizie di chiusure, tagli, mancato rinnovo di contratti, da parte dell'Ulss 5 Polesana, soprattutto a carico di strutture dell'ex Ulss 19, che assieme all'ex Ulss 18 è andata a comporre la nuova struttura.

"Affinché non si realizzi l'ennesima presa in giro da parte di chi è diventato sindaco ed ha amministrato  con i voti dei partiti responsabili di questo disastro, Lega e Forza Italia - attaccano Impegno per il Bene Comune e SiamoAdria - chiederemo nella riunione della seconda commissione che la manifestazione sia partecipata da cittadini, lavoratori e loro rappresentanti, movimenti e partiti con le bandiere ben in vista. Come abbiamo già detto in consiglio comunale è tempo di abbandonare le ipocrisie e metterci davvero la faccia".

"Contestualmente alla manifestazione, che potrebbe essere organizzata direttamente a Venezia,  una delegazione politica rappresentativa del Delta deve essere accolta da Zaia, Coletto e Mantoan, per portare richieste precise sui servizi socio sanitari, e sui lavoratori. Non dobbiamo permettere lo svuotamento e l'impoverimento del territorio. Chiediamo inoltre al sindaco di sapere se i Direttori debbano dare indicazioni dell'atto aziendale entro il 28 febbraio, se così fosse la manifestazione e la delegazione dovrebbero essere anticipate, altrimenti la presa in giro si trasformerebbe in farsa".

17 febbraio 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento