CICLISMO Tekno Bike Rovigo si rinnova e si presenta ai nastri di partenza con grande entusiasmo 

Subito a segno con Mirko Samogizio nel trittico padovano

Mirko Samogizio
Luca Paviera e Romeo Checchinato
Luca Tenan e Cristian Boniolo
Seren automobili affiliazione feb-mar-apr 2017

Nato a Monselice, ma residente a Granze, Samogizio è un ciclista amatore con un passato tra i dilettanti, dove ha corso fino a 21 anni. Il nome di Samogizio è assai noto nel mondo del ciclismo: il fratello di Mirko, Filippo, era infatti una promessa del ciclismo italiano. Il fiore all’occhiello del team presieduto da Antonio Zampieri detto “Cassani” e capitanato da Romeo Checchinato, è la squadra dei Granfondisti che oltre ad uno dei migliori protagonisti polesani della specialità Ciro Panico


Rovigo - La rinforzata squadra ciclistica rodigina Tekno Bike Rovigo si presenta ai nastri di partenza per questo 2017 con una squadra corse di tutto rispetto sia per le gare in circuito sia nelle Granfondo, e l’inizio non poteva essere dei migliori, con i successi di Samogizio nel trittico Padovano.

Mirko Samogizio, e salito su tutti i gradini del podio, ha vinto a Bovolenta dove è stato il più veloce dei veterani, secondo a Maserà e terzo ad Albignasego. Nato a Monselice, ma residente a Granze, Samogizio è un ciclista amatore con un passato tra i dilettanti, dove ha corso fino a 21 anni. Il nome di Samogizio è assai noto nel mondo del ciclismo: il fratello di Mirko, Filippo, era infatti una promessa del ciclismo italiano, la cui vita è stata troncata in un incidente stradale ad appena 24 anni nel 2002, dopo aver conquistato 64 vittorie in soli 16 anni di carriera. Ora, c'è Jacopo, figlio di Mirko, che ripercorre le orme del papà e dello zio.

Tra gli atleti di punta della Tekno Bike Rovigo Luca Paviera, che lo scorso anno ha ben figurato nel Giro del Polesine fermato solo da una foratura agli ultimi chilometri, mentre lottava per le posizioni di prestigio, Alden Filipovic un giovane molto promettente e l’esperto Mirko Sgobbi.

Ma il fiore all’occhiello del team presieduto da Antonio Zampieri detto “Cassani” e capitanato da Romeo Checchinato, è la squadra dei Granfondisti che oltre ad uno dei migliori protagonisti polesani della specialità Ciro Panico, annovera fra le sue fila gli esperti Luca Tenan e Cristian Boniolo figlio d’arte, il padre Tassiano è stato plurivittorioso negli anni 80 e 90 nei circuiti del triveneto, e l’innesto di Andrea Andreotti e Gianluca Pertoldi che dopo il prestigio, sono a caccia di nuovi stimoli nelle tappe di montagna che si troveranno ad affrontare senza zavorre. Tra le donne spicca il nome di Maria Rosa Sarti che si sta preparando per le più importanti granfondo del panorama nazionale.

“Un bel gruppo di amici prima che una squadra” come ama definirla il patron Flavio Lucchin, un passato fra i dilettanti U23 prima nella Marchiol- Safi e poi nella S.C. Bata - F. Moser, con tante vittorie sia su strada che su pista compreso un bronzo nel quartetto italiano ai mondiali juniores di New York del 2001 – “un gruppo che sta insieme agli allenamenti aspettandosi e poi si ritrova spesso a cena”

“la campagna acquista è appena iniziata – gli fa eco Zampieri – altri nomi di peso hanno chiesto di poter passare alla nostra squadra che nel 2018 punterà a grossi obbiettivi”.

 

2 marzo 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe