TERREMOTO CASTELMASSA (ROVIGO) La minoranza in consiglio comunale, guidata da Giuliana Gulmanelli, attacca sulla questione della chiusura del teatro

Dubbi sulla data di riapertura del Cotogni

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Dopo la chiusura del teatro Cotogni, per consentire i lavori necessari a rimediare ai danni prodotti dal sisma e dalle scosse successive (LEGGI ARTICOLO) e la spiegazione del sindaco che ha indicato il succedersi degli eventi (LEGGI ARTICOLO), la minoranza in consiglio comunale ha alcune domande da porre



Castelmassa (Ro) - In merito alla chiusura del teatro Cotogni e dell’annesso storico bar omonimo, la minoranza "Insieme per costruire", guidata da Giuliana Gulmanelli, ha formalizzato al sindaco Eugenio Boschini e all’assessore ai Lavori pubblici Luigi Petrella una ”interrogazione a risposta scritta ai sensi dell’art. 44, comma 3, del regolamento del consiglio comunale e delle commissioni consiliari permanenti”.

“Abbiamo appreso – scrivono gli esponenti della minoranza – dall’ordinanza sindacale n. 1 del 2/3/2017 che, a seguito di perizia giurata,  è stata dichiarata la totale inagibilità del teatro Cotogni a causa dell’alta vulnerabilità dell’edificio interessato dai danni provocati dal sisma del 2012 in grado di pregiudicarne la sicurezza e l’incolumità pubblica e che, per questo,  è stato chiuso tutto l’edificio, compresi la loggia e il bar”.

“Abbiamo appreso – si continua – attraverso i social, dalle parole del sindaco, che fin dall’aprile 2016 erano intervenuti fatti allarmanti e riguardanti la struttura, fatti che si sono poi moltiplicati nel tempo fino a spingere la giunta a scegliere di incaricare un tecnico specializzato per la redazione di una perizia giurata.  La determina del dirigente dell’area tecnica, con cui si affida l’incarico, è datata 14/2/2017, ovvero quasi dieci mesi dopo”.

I consiglieri comunali Giuliana Gulmanelli, Michele Cirella, Silvia Azzolini ed Eddy Grigolo a questo punto pongono alcune domande al primo cittadino, nella loro interrogazione.

"Dal momento che  erano stati rilevati danni in buona parte degli edifici pubblici a seguito del terremoto del 2012, si era provveduto, allora,  a far eseguire una perizia pure all’interno del Cotogni? Se sì, esiste la relativa documentazione? Dal momento in cui si sono ravvisati dei segnali preoccupanti di lesioni, come mai si  è atteso tanto tempo prima di assegnare un incarico per una perizia giurata? Su quali basi si garantisce che il teatro sarà riaperto il 17 marzo 2017, vista la staticità compromessa del fabbricato, come si evince dalla determina del responsabile del servizio?".

7 marzo 2017




Correlati:

  • Carcere minorile in centro: "Si può fare"

    EX CASA CIRCONDARIALE VIA VERDI L'idea del senatore polesano Bartolomeo Amidei. "La priorità è evitare la creazione di altri spazi vuoti in centro, come col Maddalena o la Silvestri"

  • Il grande cuore arianese non ha tradito le attese

    SOLIDARIETA' ARIANO NEL POLESINE (ROVIGO) Conclusa la raccolta fondi che era stata lanciata ad agosto, subito dopo il grande terremoto in Italia Centrale

  • Saranno sistemati tutti i portici del centro

    LAVORI PUBBLICI LOREO (ROVIGO) Il paese risistema il suo salotto buono affacciato sul naviglio, grazie a un contributo nell'ordine dei 200mila euro. Approvato il progetto

  • "Il Passante nord serve per avere una Tangenziale"

    STRADE ROVIGO Il presidente del comitato Pro Rovigo, l'avvocato Vincenzo Cappellini, risponde alle criticità ravvisate dal Wwf: "La proposta attuale è la migliore, per un'opera necessaria"

  • Cade un brutto fabbricato, nasce un parco

    VERDE PUBBLICO OCCHIOBELLO (ROVIGO) L'annuncio del Comune di Occhiobello riguarda la zona di via Trieste. "Siamo in quartiere storico dove ancora sorgono botteghe di vicinato"

  • Demolito l'ex cinema: tristezza e nostalgia

    COMUNE PONTECCHIO POLESINE (ROVIGO) Le ruspe hanno fatto piazza pulita dell'edificio storico del paese, nel quale sono cresciute tante generazioni e teatro di tante vicende e ricordi

  • Cimitero disastrato, è caccia a nuovi fondi 

    LAVORI PUBBLICI ROVIGO Per sistemare ossario e chiesa di Santa Maria dei Sabbioni di viale Oroboni servono 600mila euro. Con la giunta Piva il Comune aveva ottenuto un contributo di 300mila euro ma vi rinunciò

Seren automobili affiliazione feb-mar-apr 2017