POLITICA CANARO (ROVIGO) Il movimento civico Io vivo Canaro ritiene che ci siano dei conflitti di interesse nel voto espresso da Nicola Garbellini in merito all’aggregazione per incorporazione di Polesine acque in Centro veneto servizi

Il sindaco non convince l’opposizione 

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni

Condivide la tesi di Ivaldo Vernelli, consigliere del M5s di Rovigo, il movimento civico Io vivo Canaro in merito ad un conflitto di interessi da parte del sindaco Nicola Garbellini nell’assumere decisioni relativamente all’importante processo di fusione tra Cvs e Polesine Acque avvalorato anche dal testo unico degli enti locali 



Canaro (Ro) - Al movimento civico Io vivo Canaro permangono i dubbi sorti ancora prima del consiglio comunale nel quale il sindaco Nicola Garbellini ha esposto le sue ragioni a difesa di precise accuse rivoltegli dal consigliere comunale di Rovigo Ivaldo Vernelli (LEGGI QUI). L’attacco di Vernelli era in merito ad un conflitto di interessi nel momento del voto della delibera relativa alla fusione tra Polesine Acque e Cvs (LEGGI ARTICOLO) e a questo punto Io vivo Canaro, che in consiglio conta Sergio Dal Ben, Alberto Davì e Denis Bianchini, la pensa ancora così.

Io vivo Canaro precisa infatti di continuare a ritenere che gli incarichi professionali di Garbellini, ossia la nomina nell’organo di vigilanza (Odv) di Polesine Acque da settembre 2009 ad aprile 2016, nomina nell’Odv di Centro veneto Servizi da luglio 2015 ed ancora in corso, “siano incompatibili ed in confitto di interessi, in relazione al voto favorevole espresso dal sindaco Garbellini in consiglio comunale relativamente all’importante processo di fusione tra Cvs e Polesine Acque, peraltro particolarmente impattante sul futuro dei cittadini polesani”. 

I dubbi si rafforzano a fronte della lettura del testo unico degli enti locali che all’articolo 78 decreto legislativo 267/2000 comma 5 che dispone “Al sindaco...è vietato ricoprire incarichi ed assumere consulenze presso enti ed istituzioni dipendenti o comunque sottoposte al controllo ed alla vigilanza dei relativi comuni e province nonché di altri enti territoriali...”. 

Stando quindi a questi atti il gruppo ritiene che gli incarichi ricoperti dal primo cittadino “abbiano comportato la violazione delle norme del testo unico, tenuto anche conto che il processo di unificazione è iniziato molto tempo fa e sicuramente era in atto dal 2015”. 

11 marzo 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Lo spettacolo dei ragazzi inizia il tour 

    ISTRUZIONE CEREGNANO (ROVIGO) Al via sabato 18 novembre la messa in scena teatrale Wonder – La meraviglia di essere unici degli alunni della scuola media Carlo Goldoni a Pontecchio Polesine. Replica a Canaro il 21 

  • Senza acqua per lavori giovedì mattina 

    SERVIZI GUARDA VENETA (ROVIGO) Il 16 novembre dalle 8.30 alle 16 mancherà l’erogazione in alcune vie del paese 

  • E’ nata la nuova società dell’acqua

    NASCE ACQUEVENETE  ROVIGO Completato l'iter burocratico davanti al notaio: ecco la neo società pubblica creata dalla fusione tra Polesine Acque e Cvs. Servirà oltre 500 mila cittadini. “Obiettivo investimenti e stop all'aumento delle tariffe”

  • Abbattuto nel '44, rispunta ora dai campi

    IL RITROVAMENTO CANARO Si tratta di un De Havilland Mosquito, probabilmente abbattuto dalla contraerea tedesca nell'ultimo autunno di guerra

  • Sette ore senz’acqua per lavori alla rete

    SERVIZI POLESINE Martedì 7 novembre dalle 8.30 alle 16 in alcune vie di Guarda Veneta l’acqua sarà torbida a causa di interventi di programmati sul sistema acquedottistico 

  • Anche chi non ha più nessuno, avrà un fiore

    FESTA DEI DEFUNTI CANARO (ROVIGO) La consulta delle Politiche sociali prosegue con una iniziativa che da sempre si dimostra apprezzata

  • Nove comuni senza acqua nella notte di lunedì 

    SERVIZI POLESINE Sospesa l’erogazione nei comuni di Arquà Polesine, Bosaro, Ceregnano, Costa di Rovigo, Pontecchio, Rovigo, San Martino di Venezze, Villadose, Villamarzana 

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe