CULTURA ROVIGO L’assessore Andrea Donzelli, insieme alla dirigente Nicoletta Cittadin, ha incontrato i dipendenti di museo e teatro per spiegare cosa comporterebbe il passare sotto la Fondazione

Incontri con il personale per spiegare “l’operazione epocale"

Cooking Chef Academy 730x90

Il personale era preoccupato perché nessuno lo aveva mai coinvolto nel progetto fortemente voluto dall’assessore Andrea Donzelli, di dare finalmente e concretamente vita alla Fondazione Cultura che prenderebbe in mano la gestione del Museo dei Grandi Fiumi e del Teatro Sociale, dipendenti compresi (LEGGI ARTICOLO). Così l’assessore Andrea Donzelli, insieme alla dirigente Nicoletta Cittadin hanno organizzato due incontri, nella mattinata di giovedì 9 marzo, prima con i dipendenti del Museo e poi con quelli del Teatro. Manifestazioni positive da parte dei lavoratori delle cooperative, preoccupazione invece per il personale dipendente del Comune che teme di perdere pezzi di contributi e di passare ad un contratto meno favorevole



Rovigo – “In effetti nessuno aveva ancora coinvolto il personale sulla questione del passaggio della cultura dal Comune alla Fondazione Cultura, anche perché siamo ancora al primo step – spiega l’assessore Andrea Donzelli – dopo un primo passaggio in commissione (LEGGI ARTICOLO), ora la Fondazione dovrà dimostrare sulla carta di poter essere più efficiente e più economica del Comune nella gestione della cultura nella città di Rovigo. Poi chiaramente avremmo coinvolto anche il personale e le rappresentanze sindacali. Ma vista l’agitazione del personale che ha scoperto della possibilità della cessione di museo e teatro alla Fondazione Cultura dai giornali, ho ritenuto corretto organizzare un incontro e spiegare la questione”.

E così nella mattinata di giovedì 9 marzo, l’assessore, insieme alla dirigente Nicoletta Cittadin, ha incontrato prima il personale del museo e poi quello del teatro. “Si tratta di una quindicina di dipendenti del Comune più un numero variabile di lavoratori delle cooperative – spiega l’assessore – I lavoratori delle cooperative presenti all’incontro hanno manifestato solo esternazioni positive sulla possibilità di cessione della cultura alla Fondazione Cultura. I dipendenti del Comune, invece, sono preoccupati perché non conoscono i dettagli del contratto, se questo verrà cambiato, e non hanno intenzione di perdere contributi o “privilegi” del dipendente pubblico a tempo indeterminato”. Ma secondo l’assessore, non si procederà prima di aver coinvolto personale e sindacati: “Si tratta di una operazione epocale per Rovigo – conclude l’assessore – non lasceremo nessun dettaglio al caso”.

12 marzo 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe