RUGBY Mercoledì 22 marzo, alla Casa del Popolo di Frassinelle (Rovigo), Marco Pastonesi racconterà la storia di Jonah Lomu. L’uragano nero. Vita, morte e mete di un All Black

Una storia che ha cambiato lo sport ovale

Marco Pastonesi
Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Il famoso giornalista Marco Pastonesi ripercorrerà le tappe della vita della leggenda neozelandese attraverso il suo inconfondibile storytelling. L’evento, organizzato dal Rugby Frassinelle, sarà aperto a tutti.


Frassinelle (Ro) - "Lomu è entrato ed è rimasto nel mondo del rugby come un marchio, come un simbolo, come una leggenda. Ha cambiato il rugby, ha segnato la fine di un'epoca e l'inizio di una nuova". Mercoledì 22 marzo la Casa del Popolo di Frassinelle verrà avvolta dalla magia del mito All Black, Jonah Lomu, raccontata da Marco Pastonesi che presenterà la sua ultima meraviglia letteraria, L’uragano nero. Vita, morte e mete di un All Black. Dalle 19.30 (ingresso gratuito), il famoso giornalista ripercorrerà le tappe della vita della leggenda neozelandese attraverso il suo inconfondibile storytelling. L’evento, organizzato dal Rugby Frassinelle, sarà aperto a tutti.

Marco Pastonesi, spesso ha sottolineato il suo ‘debole’ per i gregari. Ora, come protagonista del suo scritto, ha scelto uno dei più grandi. Forse il più grande. Perché?
“Perché ha cambiato il rugby, quella meta contro l'Inghilterra - la prima di quattro - ha segnato la fine di un'epoca e l'inizio di una nuova, un prima e un dopo Lomu. Perché la storia di Lomu era cominciata in salita (la famiglia povera, il padre alcolizzato, il quartiere violento, le amicizie pericolose) e poi era proseguita in discesa (il rugby che lo ha salvato dalla galera, fino agli All Blacks), poi l'invulnerabilità minata da una malattia genetica, e la fine annunciata eppure imprevista. Perché Lomu è entrato ed è rimasto nel mondo del rugby, come un marchio, come un simbolo, come una leggenda”.

Appassionato di ciclismo, ma tendente al rugby e con un nuovo libro che ha come protagonista un campione ovale. Quale il messaggio che vuole trasmettere?
“Racconto storie. Il ciclismo ha il dono dell'avventura, il rugby dei valori. E se il rugby mi ha aiutato a imparare a stare al mondo, il ciclismo esaudisce tutta la mia curiosità, geografica e umana”.

Tre nomi: Lomu, Pantani, Battaglini. Tre leggende da lei raccontate e accomunate da una fine sfortunata. C’è un nesso tra le storie di questi campioni?
“Si nasce, si muore, e intanto si sta al mondo: loro tre nel reparto giocattoli della vita, che è lo sport. Un bel modo per indugiare, trattenersi, ancorarsi all'infanzia”.

Ciclismo e rugby, due sport di fatica. Cosa accomuna i due sport? E cosa invece li rende differenti l’uno dall’altro?
“Il ciclismo è uno sport individuale, anche se si corre a squadre, il rugby è lo sport di squadra per la sua natura. Il ciclismo è uno sport popolare, il rugby è uno sport comunitario. Il ciclismo ha come teatro la strada, quindi un palcoscenico lungo centinaia di chilometri, il rugby si gioca in una scatola verde. Nel ciclismo uno vince, ma nessuno perde, nel rugby c'è una squadra che perde. Il comune denominatore - per me - sta nella possibilità di raccontare storie. E sta nel vento: la bicicletta è una macchina da vento, e il pallone da rugby è ovale perché è pieno di vento”.

Perché una persona dovrebbe appassionarsi di ciclismo.
“Perché il ciclismo è avventura ed esplorazione, è sfida e lotta, è un viaggio nel mistero e nella bellezza. Perché la bicicletta è un tappeto volante, è un paio di ali, è un emporio di incontri e un'officina di allegria”.

E perché dovrebbe innamorarsi del rugby.
“Perché il rugby è guerra e poi la pace più bella del mondo, perché insegna a rispettare quella sottile linea che divide la fisicità dalla violenza, le regole dalle trasgressioni, perché è scacchi giocati anche a forza di gambe e braccia”.

Un campione che ha sempre ammirato.
“Tutti quelli che fanno sport - anche i gregari, anche i panchinari - hanno una bellissima storia da raccontare: la loro”.

Il libro che Marco Pastonesi non ha ancora scritto.
“Sul pugilato. Magari ce la farò”.

14 marzo 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

  • Ancora un rodigino alle Fiamme

    RUGBY ECCELLENZA Silvano Garbin, ex preparatore atletico di Rovigo e Zebre proprio al fianco di Gianluca Guidi, raggiunge il tecnico livornese nel Gruppo Sportivo della Polizia di Stato

  • Definito il quadro tecnico dei galletti

    RUGBY Il Frassinelle (Rovigo) conferma Antonio Romeo nel ruolo di direttore tecnico, Dario Dardani ancora alla guida della prima squadra in C2 

  • Una giornata da ripetere 

    RUGBY GIOVANILE ROVIGO Importante connubio tra le società ovali di Villadose e il Centro Ricreativo Giovanile (Crg) grazie a Maurizio Vanzan coadiuvato dal tecnico Crv-Fir Pier Paolo Tellarini 

  • Un nuovo progetto basato sulla vicinanza al territorio

    RUGBY GIOVANILE La Fir lo aveva già annunciato, dopo la chiusura di molte Accademie e centri di formazione, individua 48 aree del territorio nazionale per seguire i club da vicino. Referente del Veneto, e quindi di Rovigo, Matteo Mazzantini 

  • A Mattia Dolcetto la Nazionale U18 e il Cdf di Treviso

    RUGBY Ecco il nuovo staff dei quadri Nazionali, compresi Centri di formazione Under 18 di Prato, Milano, Roma e Treviso. Rovigo cancellata come già più volte annunciato 

  • Derby celtico d’estate

    RUGBY PRO12 Il Benetton Treviso il 18 agosto farà visita ai Leicester Tigers, venerdì 25 agosto ospiterà le Zebre allo stadio Monigo alle ore 20 e 30

  • L’ex rossoblù passa dal San Donà al Mogliano

    RUGBY ECCELLENZA Gonzalo Padrò, con un passato nella FemiCz Rovigo, passa al quartier generale del Quaggia

Seren automobili a Rosolina mare