DIPENDENZE ROVIGO Il consiglio comunale ha approvato la mozione presentata da Livio Ferrari. Lo scopo è quello di garantire la prevenzione e di evitare l'avvicinamento all'alcool dei ragazzi

Basta con happy hour e promozioni alcoliche

Seren automobili affiliazione feb-mar-apr 2017

Il consiglio comunale ha detto sì alla mozione presentata dal consigliere comunale Livio Ferrari, volta a prevenire il consumo di alcool tra i giovani, spesso vissuto come un rito di iniziazione, un fattore di coesione e accettazione sociale, ma che può condurre a gravissime conseguenze



Rovigo - Un tavolo, per prevenire la diffusione di alcool tra i giovani e giovanissimi, ma anche una sensibilizzazione dei negozianti ed esercenti. In primo luogo perché rispettino una norma di legge chiara: è vietato, e punito, servire alcool a chi non ha compiuto i 18 anni. In secondo luogo, perché evitino quelle promozioni, sconti, happy hour, per invogliare i ragazzi al consumo di alcolici. Ma anche perché, nel corso delle loro serate, si adoperino per responsabilizzare i ragazzi, per fare loro presente, per esempio, la necessità di individuare il "guidatore designato", ossia colui che, per la serata, è il conducente dell'auto e quindi deve essere sobrio.

Sono i punti cardine della importante mozione presentata dal consigliere comunale di minoranza in Comune a Rovigo Livio Ferrari e approvata dal consiglio comunale nell'ultima riunione. Si tratta di un documento, lungo e circonstanziato, che ha lo scopo di preservare i ragazzi dai danni che l'alcool, quando diventa una forma di abuso e di dipendenza, sempre provoca. Ma anche quello di ricordare agli esercenti come non si possa servire alcool ai ragazzi con meno di 18 anni.

Lo scopo finale della mozione è quello di impegnare il sindaco e gli assessori competenti "alla convocazione di un tavolo tecnico con la partecipazione della Prefettura, la questura,il servizio competente dell'Ulss locale, il comando provinciale dei carabinieri, le associazioni di categoria del commercio, le associazioni dei consumatori, le associazioni di volontariato, allo scopo di avviare un percorso per costruire una strategia unitaria contro l’abuso dell’alcol e per la sensibilizzazione dei giovani su questa materia".

"A questo proposito - prosegue il testo della mozione licenziata dall'assemblea di Palazzo Nodari - nell’amministrazione comunale gli assessorati coinvolti saranno quelli della Pubblica istruzione, Politiche sociali e Politiche giovanili. Lo scopo sarà quello di costruire la condivisone di una strategia mirata ad accompagnare le misure repressive e di controllo del territorio con azioni preventive e programmi d’intervento attivo che riducano il ricorso all’alcool come strumento di socializzazione e di divertimento, con particolare attenzione rivolta nei confronti delle situazioni come forme di aggregazione dei giovani anche minorenni,che spesso sono pubblici esercizi presenti in città".

"Il Comune di Rovigo sarà promotore, con le associazioni di categoria dei commercianti  di un codice di autoregolamentazione per l’autodisciplina dei pubblici esercizi, con l'obiettivo di impegnare  i gestori degli esercizi commerciali  aderenti, ad osservare il divieto di somministrare alcolici ai minori di anni 18, non somministrare bevande alcoliche a coloro che manifestano un evidente stato di ebbrezza o comportamenti alterati, non praticare offerte, sconti o promozioni per il consumo degli alcolici, applicando e esponendo in modo evidente il listino riportante prezzi delle consumazioni, utilizzare prodotti di qualità certificata sia nella somministrazione che nella ristorazione, l’impegno nel contrasto all’utilizzo e alla diffusione degli stupefacenti, formare il personale affinché favorisca l’individuazione all’interno dei gruppi di avventori del guidatore designato, anche attraverso promozioni di bevande analcoliche, impegnarsi nel diffondere ai clienti materiale relativo a campagne di informazione promosse dalle istituzioni a tutela della salute e in modo particolare quelle sui danni derivanti dall’abuso di bevande alcoliche".

16 marzo 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe