PALAZZO CELIO ROVIGO Il presidente della Provincia, Marco Trombini, firma la proroga del contratto con Irifor: bambini non vedenti e audiolesi del territorio avranno l’assistenza garantita fino alla fine dell’anno scolastico

Solidarietà piena, sino alla fine dell'anno

Seren automobili affiliazione feb-mar-apr 2017

Negli ultimi mesi del 2016, ad anno scolastico già cominciato, tra le preoccupazioni dei genitori e le proteste dei sindacati, la Provincia era riuscita, attraverso lo stanziamento di fondi regionali destinati, a garantire il servizio scolastico integrativo per i ragazzi diversamente abili del nostro territorio (LEGGI ARTICOLO). Il servizio, affidato all’istituto specializzato Irifor onlus, del valore di circa 350mila euro, garantiva l’assistenza però solo fino al 18 marzo. Ma il presidente Marco Trombini, sollecitando la Regione, ha ottenuto altri fondi per prorogare il servizio fino alla fine dell’anno scolastico



Rovigo – Con la riforma delle Province e il passaggio di alcune competenze prima proprie degli enti in questione ed ora affidate alla Regione, trovare i soldi per garantire un servizio essenziale come l’assistenza scolastica educativa era diventato un problema. Burocrazia e rimpalli, come sostenevano i sindacati dei lavoratori dell’Irifor che per anni aveva gestito il servizio scolastico integrativo per ragazzi diversamente abili per conto di Palazzo Celio, ma anche un po’ di confusione sulle competenze, avevano ritardato l’affidamento del servizio e quindi la possibilità dei ragazzi di frequentare la scuola dal primo giorno dell’anno scolastico. Ma la questione si era risolta con la Regione che aveva alla fine stanziato i soldi per “l’esecuzione del servizio socio didattico educativo e formativo a sostegno dei soggetti con disabilità sensoriali (visive e uditive)”. Circa 350mila euro, che sarebbero bastati a garantire l’assistenza solo fino al 18 marzo. 

Ma la Regione, sollecitata dalla Provincia, questa volta è intervenuta per tempo, dando la possibilità a Palazzo Celio di anticipare i soldi, che poi verranno rimborsati, per la prosecuzione del servizio fino alla fine dell’anno scolastico. Si tratta, nello specifico, della proroga del contratto con Irifor dal 19 marzo fino al 10 giugno, per un costo complessivo di 190mila euro. Il presidente della Provincia Marco Trombini gioisce: “Sono davvero felice che in sinergia con la Regione siamo riusciti a prorogare il contratto – spiega – Le competenze ora sono in mano alla Regione e visto gli ultimi contatti positivi con l’assessore competente sono davvero fiducioso anche per il futuro di questo servizio, indispensabile ed imprescindibile per i ragazzi disabili del territorio”.

16 marzo 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe