VISIONI VILLADOSE (ROVIGO) Il gruppo 100% Animalisti ha presidiato l'esterno dell'allevamento. "Un lager a due passi dal centro". Hanno descritto le modalità con le quali, affermano, vengono fatti vivere e poi uccisi gli animali

"Li allevano al gelo e poi li trucidano"

Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017

Un presidio che ha visto impegnata una ventina di componenti del gruppo 100% Animalisti, all'esterno dell'allevamento di Villadose, in grado di ospitare sino a 13mila visoni. Una manifestazione ordinata, autorizzata dalla questura, che ha visto comunque lanciare pesanti accuse alle condizioni di vita in cui si trovano, secondo i militanti, i visoni da allevamento



Villadose (Ro) - "Li fanno crescere in ambiente condizionato, al freddo, perché così viene stimolata la crescita delle pellicce. Non vedono mai l'aria aperta o la luce del sole. E quando li uccidono lo fanno col gas o con le scariche elettriche". Questa la descrizione che Sandro Campana, portavoce del gruppo 100% Animalisti, fa delle condizioni di vita dei visoni da allevamento.

Nel pomeriggio di sabato 18 marzo, assieme a un'altra ventina di militanti, tutti provenienti da fuori provincia, ha realizzato un presidio all'esterno dell'allevamento di via Verdi, in campagna ma piuttosto vicino al centro, in grado di ospitare sino a 13mila visoni, animali che vengono allevati per le pellicce.

C'è stato anche un momento di ironia, quando il portavoce ha rispolverato la storia del "Premio Hitler", ossia del riconscimento che il presidente di Federfauna Filippi, che è anche il titolare dell'allevamento villadosano - spiegano i 100% animalisti - consegnava periodicamente a quelli che definiva "gli animalisti più estremisti".

Fa sorridere - questo il messaggio dei militanti - ora scoprire che proprio l'istitutore del "Premio Hitler" ha realizzato quello che dagli animalisti viene definito un vero e proprio lager a due passi dal centro.

18 marzo 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe