PRIMARIE PARTITO DEMOCRATICO ROVIGO Maria Laura Tessarin, ex assessore di Porto Viro, esprime la sua grande soddisfazione nel poter prendere parte alla convenzione nazionale a Roma, come rappresentante del Pd polesano

"Per la vera libertà di tutti c'è ancora molto da lavorare. Emiliano mi ascolterà"

Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Domenica 9 aprile, Maria Laura Tessarin, ex assessore di Porto Viro, sarà a Roma per la convenzione nazionale a rappresentare la provincia di Rovigo per la mozione Emiliano. Saranno 5 i delegati polesani che la convenzione provinciale ha scelto per il nazionale, due per la mozione Emiliano, due per la mozione Renzi – Martina e 1 per la mozione Orlando (LEGGI ARTICOLO), primo step di queste primarie del Partito Democratico per eleggere il segretario nazionale. Maria Laura Tessarin esprime tutta la sua gioia per il compito che le è stato affidato e spiega i motivi del suo sostegno a Michele Emiliano



Rovigo – “Sono tanto felice ed emozionata, e vorrei ringraziare gli amici che con me stanno condividendo l'impegno e il grande lavoro in vista di queste primarie, amici che con il loro affetto e considerazione mi sostengono, e ringrazio Nadia Romeo, coordinatrice regionale per la mozione Emiliano, la quale mi ha dato l'irripetibile opportunità di incontrare Michele Emiliano, di conoscerlo e di poter apprezzare la sua grande sensibilità, umiltà e spessore umano e intellettuale”. Sono le parole di Maria Laura Tessarin, ex assessore del Comune di Porto Viro eletta dalla convenzione provinciale del Partito democratico come delegato nazionale alla convenzione che si terrà a Roma, domenica 9 aprile. Si tratta di un momento importante per il partito, primo step, dedicato solo agli iscritti, prima delle primarie aperte per l’elezione del segretario nazionale.

“Pur riconoscendo il valore dell'impegno di Matteo Renzi nel partito in questi anni, e sicuramente i suoi meriti a capo del governo, ho scelto di sostenere Michele Emiliano – spiega Maria Laura Tessarin – Innanzitutto perché incarna in questo momento quei valori e ideali di sinistra di cui, forse, molti di noi sentono un po' la mancanza, e poi perché lui stesso ha dichiarato di voler attivare una politica che parte dal basso e cioè dalla fascia debole della popolazione, da chi è in difficoltà, dagli ultimi. Emiliano lavorerà per un investimento sul capitale umano. Il Partito democratico, attraverso Emiliano, sarà il braccio operativo della Costituzione italiana nell'applicazione dei suoi principi fondamentali, e quindi democrazia, uguaglianza e giustizia sociale”. 

“Oggigiorno, purtroppo, molte persone sono impossibilitate a realizzare i propri sogni, i ragazzi giovani vivono nell'incertezza, non raggiungono mai l'autonomia per poter pensare ad un loro nucleo familiare indipendente dalla famiglia d'origine, e ancor di più le persone disabili vivono in prigioni materiali e psicologiche che impediscono loro di costruirsi un futuro – continua la Tessarin – Parlerò ad Emiliano di Vita indipendente, questa filosofia di vita che rende libere le persone disabili, libere di scegliere, libere di studiare, lavorare e creare una famiglia. Purtroppo questa problematica resta ancora sconosciuta ai più, e anche il Partito democratico in questo senso ha ancora molta strada da fare. Gli parlerò apertamente e con il cuore in mano. Emiliano è una persona che quando ti stringe la mano ti guarda negli occhi, sicuramente mi ascolterà”.

6 aprile 2017




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017