CACCIA ALL'UOMO (ROVIGO) Incredibile sviluppo nelle indagini, una ragazza del Chioggiotto sentita in caserma, assicura di avere riconosciuto il 41enne ricercato da centinaia di persone

"Igor era in treno a Ceregnano". Una 20enne sentita dai carabinieri

Bancadria 730x90 Cna Rovigo
Uno sviluppo incredibile sul caso di Igor Vaclavic, 41 anni, in Italia irregolarmente da 10 anni, ricercato in una zona di 40 chilometri quadrati tra Campotto e Marmorta, al confine tra le province di Bologna e Ferrara. E' indagato per due omicidi: quello del tabaccaio Davide Fabbri, 52 anni, di Riccardina di Budrio, ucciso sabato 1° aprile in un tentativo di rapina finito male (LEGGI ARTICOLO), e quello di Valerio Verri, 52 anni, guardia zoofila volontaria di Legambiente, freddato lo scorso sabato 8 aprile, nel Ferrarese (LEGGI ARTICOLO). Verri, secondo una prima ricostruzione dei fatti, con un poliziotto della Provinciale stava componendo una pattuglia antibracconaggio quando, nelle campagne del Mesolano, avrebbe "incocciato" in Vaclavic

Rovigo - Era in treno. E' salito a Ceregnano. Non ha dubbi la 20enne del Chioggiotto ascoltata dai carabinieri. Igor Vaclavic, il latitate cercato da centinaia di persone tra Ferrarese e Bolognese, sarebbe riuscito a eludere la morsa dei controlli. Lei, non ha dubbi. ed è stata ascoltata dai carabinieri, non appena arrivata a Chioggia. E ha ripercorso tutta la propria vicenda. Puntualmente, senza contraddizioni.

Una testimonianza da prendere con le pinze, ma che intanto c'è ed è stata messa agli atti. La giovane ha detto che ha visto il 41enne salire a bordo del treno sulla Rovigo Chioggia il 10 aprile. Lo ha riconosciuto subito, perché sul cellulare, leggendo le news, ha visto la foto del fuggitivo. A sua volta, il 41enne, capito di essere stato notato, avrebbe cambiato posto.

Va tenuto presente come, nonostante questo sviluppo, gli investigatori rimangano convinto che Igor sia ancora nella zona di circa 40 chilometri quadrati tra Campotto e Marmorta, dove lo cercano i carabinieri del Tuscania e dei Cacciatori di Calabria, mentre altri carabinieri cinturano la zona. In questa opinione sono confortati anche da alcuni rirtovamento giudicati piuttosto recenti.
 
16 aprile 2017




Correlati:

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe