IL PROGETTO A TAGLIO DI PO (ROVIGO) Sabato 22 aprile l'inaugurazione del murales realizzato agli impianti sportivi dall'artista e dai ragazzi

Arte in campo per la libertà

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento

Parte "Arte per la libertà", progetto realizzato nel solco di Voci per la libertà e alla sua prima edizione



Taglio di Po (Ro) - Da aprile a settembre i territori del Polesine e del Delta del Po diventano la scenografia ideale di un nuovo importante evento culturale, Arte per la Libertà. Promosso dall’Associazione Culturale Voci per la Libertà quale significativa evoluzione dei vent’anni di esperienza maturata nell’organizzazione dei festival “Voci per la Libertà – Una Canzone per Amnesty” “DeltArte – il Delta della creatività”, il neonato festival è un intenso viaggio nell’arte giovanile a favore dei diritti umani.

"Arte per la Libertà - spiega la nota stampa di presentazione  - trasformerà per sei mesi la Provincia di Rovigo in un caleidoscopio di creatività, senza perdere di vista le tematiche legate ai diritti umani indagate attraverso le diverse forme artistiche (dalla musica al teatro, al cinema all’arte contemporanea) e i linguaggi dei giovani under 35 selezionati".

L’inizio ufficiale è fissato per questo weekend: sabato 22 aprile va in scena la street art con l’inaugurazione del monumentale murales realizzato da Centocanesio con gli alunni di terza media dell’Istituto comprensivo di Taglio di Po agli impianti sportivi comunali. I ragazzi di terza media hanno iniziato a lavorare con lo street artist da venerdì 21 aprile e in poche ore hanno dato vita alle forme principali della monumentale opera. Curato da Melania Ruggini, l’intervento si propone di educare i ragazzi al potere empatico dei graffiti e dell’arte in generale. 

Un’opera di rigenerazione urbana che ha inteso ridare bellezza e decoro ad un luogo periferico eppure molto importante dal punto di vista dell'aggregazione sociale, essendo un punto di ritrovo di tanti ragazzi e adulti in nome dello sport e dell’attività all’aria aperta. 

Dal canto suo, Ruggini ringrazia l’amministrazione comunale di Taglio di Po che fin dal primo anno di DeltArte ha sostenuto questo festival, credendoci con entusiasmo e con costanza. L’inaugurazione è fissata, sabato 22 aprile, alle ore 12 presso gli impianti sportivi di via Leonardo da Vinci.

21 aprile 2017
rovigooggi.it informazione che non ti pesa 468x60




Correlati:

  • Madre Teresa di Calcutta è un murales 

    TAGLIO DI PO (ROVIGO) Sabato 14 aprile è stato inaugurato il dipinto presso la cabina elettrica di Villaggio Perla di Riccardo Buonafede con gli alunni di terza media per il festival Deltarte

  • Esordio sfortunato

    MOTORI ROVIGO L'International Rally Cup non parte nel migliore dei modi per il pilota di Taglio di Po. Eros Finotti a lungo in lotta per il successo finale, esce di scena sulla penultima prova speciale

  • La street art passa per le cabine elettriche

    INAUGURAZIONE TAGLIO DI PO (ROVIGO) Sabato 14 aprile nel parco giochi Villaggio Perla l’inaugurazione del murales di Riccardo Buonafede realizzato in collaborazione con gli studenti dell’Istituto comprensivo statale Maestri. E’ un progetto di Deltarte, il

  • Nuova commedia in scena per ridere e riflettere 

    SPETTACOLI TAGLIO DI PO (ROVIGO) Alla sala Europa la Compagnia Instabile Tagliolese presenta Non tutti i semi vengono per nascere

  • Mi ritorni in mente… è successo! 

    ASSOCIAZIONI TAGLIO DI PO (ROVIGO) Sabato 24 marzo si è tenuto il concerto di beneficienza a favore dell’operato dell'associazione di volontariato "Foglie Vive" con i "Deja Vu" tribute band di Lucio Battisti

  • Storie ad alta voce per i bambini fino a giugno 

    ISTRUZIONE TAGLIO DI PO (ROVIGO) Partito il progetto “Lib(e)ri tutti!" del Comune rivolto ai piccoli frequentanti la scuola dell’infanzia, in collaborazione con la biblioteca e Anna Casarotto

  • 200 studenti delle superiori alla scoperta del volontariato locale 

    ASSOCIAZIONI ROVIGO L’istituto Colombo di Adria, il Marco Polo del capoluogo, il liceo Roccati e i geometri del Bernini coinvolti grazie al progetto "Volontariato, scuola di cittadinanza" del Csv 

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo