AMBIENTE ROVIGO Il senatore Gianni Girotto prende posizione contro l'atteggiamento del Governo e invita i veneti a opporsi a questa maniera di procedere

"Le trivelle distruggono interi ecosistemi: fermiamole"

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Una politica non coerente, quella del Governo sulle trivellazioni, denuncia il senatore veneto del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto



Rovigo - “Sulle trivelle il Governo cambia le carte in tavola aggirando il parere dei territori. Daremo battaglia coinvolgendo cittadini e associazioni venete. Il disciplinare del Mise sulle autorizzazioni per ricerca e coltivazione di idrocarburi è a maglie troppo larghe; dà infatti via libera all’apertura di nuovi pozzi petroliferi e non solo alle attività di dismissione e manutenzione. Non si ci può fidare dunque delle rassicurazioni del Governo sul rispetto del divieto a tali operazioni entro le 12 miglia marine. Dobbiamo ridare la parola ai territori e iniziare una rapida uscita dalle fossili. Le parole stanno a zero. Ora è il momento dei fatti.” È la secca posizione del senatore veneto del Movimento 5 Stelle Gianni Girotto contro lo Sblocca trivelle del Governo

“I veneti devono essere coinvolti nel processo decisionale quando le scelte li riguardano direttamente. La nostra è una Regione che vive di migliaia di piccole attività, di pesca e soprattutto di turismo. Impiantare nuove piattaforme al largo delle nostre coste mette a rischio interi ecosistemi naturali, con ricadute pesanti sulla salute e le economie locali”, spiega il rappresentante 5 Stelle.

“Inoltre anche le piattaforme petrolifere, come tutte le altre attività, devono pagare l’Imu. In Italia la pagano tutti. Perché i produttori di fossili inquinanti non devono farlo? Ci sono due sentenze di tribunale che sanciscono il diritto dei comuni a vedersi riconosciuta quell’imposta. Mentre il Governo difende i petrolieri”.

“Da Palazzo Chigi arrivano tante belle parole su risparmio, efficienza energetica e rinnovabili. Ma nei fatti c’è ben poco. La Strategia energetica nazionale non ha alcun valore di legge ed è inoltre inadeguata a far fronte alla crisi climatica e al rispetto degli obiettivi internazionali sottoscritti anche dal nostro Paese alla conferenza di Parigi sul clima. I danni prodotti finora dallo sfruttamento delle fonti fossili sono enormi. E di questo passo – conclude Girotto – ci vorranno almeno 40 anni per bonificare mezza Italia inquinata da carbone e petrolio. Diamo il via alle bonifiche che portano nuovi posti di lavoro e rilanciamo la crescita attraverso lo sviluppo delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica. Il momento di cambiare è ora”.

21 aprile 2017




Correlati:

  • I fiori sul balcone a concorso 

    INIZIATIVE COMUNE LENDINARA (ROVIGO) L’amministrazione comunale indice il “Concorso dei balconi e giardini fioriti” invitando i cittadini a rendere bella la propria città 

  • "Non è rispettato neanche il diritto di protesta. Bobo intervieni"

    CSA ADRIA (ROVIGO) Il direttore Mauro Badiale ha ordinato di togliere le bandiere sindacali che testimonia lo stato di agitazione del personale. Il Movimento 5 stelle invita il sindaco a intervenire con forza

  • Dopo 40 giorni lo scolo ancora non è stato ripulito

    IL CASO A ROVIGO Il 10 marzo scorso i vigili del fuoco erano intervenuti allo scolo Ramostorto con le barriere antisversamento. Ma non sta certo a loro rimuoverle e ora bloccano solo la sporcizia

  • Allarme inquinamento, arrivano i carabinieri

    DISCARICA TORRETTA Il Comitato Terre Nostre segnala uno strano fenomeno nelle acque, scatta il sopralluogo di carabinieri, vigili del fuoco e Arpav. In corso un contenzioso che riguarda anche il Polesine

  • Al voto in nome di "lealtà ed onesta"

    ELEZIONI COMUNE TAGLIO DI PO 2017 (ROVIGO) Stefania Bernardinello è la candidata sindaco della lista Movimento 5 stelle per l’11 giugno. Avviata la squadra ed il programma elettorale 

  • Servono 22mila euro per la guerra totale alle zanzare

    AMBIENTE OCCHIOBELLO (ROVIGO) Il Comune lancia una campagna di contrasto che prevede il trattamento di 25mila caditoie e il trattamento di tutti i fossati, per sgominare l'infestazione

  • "Sempre uniti, contro i danni delle trivelle"

    ESTRAZIONI PORTO TOLLE (ROVIGO) Il Pd prende posizione contro il nuovo decreto per le trivellazioni. "Chi pensa che non facciano danni venga a farsi un giro nel nostro Delta"

Rosolina Mare - Notte di fuoco