PARTITO DEMOCRATICO ROVIGO I sostenitori delle tre mozioni si stringono la mano e annunciano una nuova era per un rinnovato Pd unito. Tra gli obiettivi condivisi: togliere il capoluogo dalle mani di Massimo Bergamin

Si passa alla fase due, dare un futuro al territorio

Beni Artistici Religiosi Fondazione Cariparo

Concluso il congresso, i sostenitori della mozioni a favore di uno o dell’altro candidato alla segreteria nazionale del Partito Democratico depongono l’ascia di guerra e annunciano un Pd rinnovato, unito, finalmente capace di ascoltare le esigenze di tutti e far ripartire il nostro territorio. A “giurare” unità nella sede del Pd rodigino seduti intorno al segretario provinciale reggente, Giuseppe Traniello , i tre rappresentati delle mozioni hanno convocato una conferenza, insieme, per tirare le fila di questa fase congressuale e ripartire. Presenti, Nicola Garbellini per la mozione Matteo Renzi – Martina, Benedetta Bagatin per Andrea Orlando e Emanuele Ulisse per Michele Emiliano 



Rovigo – “Finita la fase congressuale comincia una nuova era anche per il Pd polesano caratterizzata da una politica seria di collegamento con il territorio. Uno dei principali obiettivi del territorio è il recupero del capoluogo, in mano ad una politica nulla che, come dimostrano gli ultimi eventi, conta meno di zero”. A tirare le fila di questa fase congressuale del Partito Democratico, è il segretario provinciale reggente Giuseppe Traniello che ringrazia staff e volontari per l’organizzazione di queste primarie partecipate e insieme ai sostenitori delle tre mozioni, dichiara aperta una nuova fase del partito, caratterizzata dall’unitarietà. Insieme a Traniello, anche Antonio Bombonato, tra i principali artefici del buon funzionamento di tutte le primarie. Traniello, tra i principali obiettivi del partito polesano, ricorda il sostegno ai candidati in queste elezioni amministrative e, soprattutto, il recupero della città di Rovigo, in mano a Massimo Bergamin.

Tornando alle aree del partito che hanno fatto il tifo per l’uno piuttosto che per l’altro candidato alla segreteria nazionale, ora è un nuovo giorno e dopo una fase di discussione costruttiva, si ricomincia tutti insieme. “Siamo un partito che ha inventato le primarie, e che ancora oggi le utilizza per permettere alla popolazione di scegliere i propri dirigenti – commenta Nicola Garbellini, rappresentante della mozione Renzi-Martina – Queste primarie, con una così grande partecipazione, ci danno maggiori responsabilità. Tanti giovani si sono riavvicinati al partito, ora sta a noi ridargli speranza nel futuro”.

“Ringrazio il partito che è stato ancora una volta il realizzatore di una macchina organizzativa difficile, complessa ma che ha visto garantire la democraticità – commenta Benedetta Bagatin, per la mozione Andrea Orlando – Siamo un partito gloriosamente litigioso, ma quando è il momento di mettersi insieme per lavorare ad un obiettivo comune, riusciamo a realizzare cose così grandi. Noi continueremo a rappresentare gli ultimi, a battere sull’argomento che più ci sta a cuore, il lavoro, e a prepararci insieme per tutte le prossime sfide che il Pd dovrà affrontare”.

“Anche per noi è stato un risultato soddisfacente, anzi, più che soddisfacente – commenta Emanuele Ulisse, per la mozione Michele Emiliano – Ci siamo divertiti, abbiamo girato il Polesine e conosciuto moltissime persone. Credo che il successo che abbiamo ottenuto, con una mozione nata solo due mesi fa, sia da attribuire a tutto l’impegno che abbiamo messo sui territorio guadagnando credibilità tra la gente. Credo che una rappresentanza di Emiliano sui territori a Renzi farà solo che bene”, una pulce nell’orecchio ma senza discordia. Almeno così si dichiarano tutti: meno discordia e più unità. Su questo sembrano d’accordo.

10 maggio 2017
Studio legale Fois 468x60




Correlati:

  • A caso risolto il Pd bacchetta l’amministrazione di Arquà 

    MACROAREA VILLAMARZANA - ARQUA’ POLESINE (ROVIGO) I circoli del Pd locali, di Costa, Pincara, Fratta, Frassinelle, Arquà, Villanova del Ghebbo invitano ad abbandonare i personalismi quando si tratta di fare squadra per il territorio 

  • Politica polesana in lutto

    CASTELGUGLIELMO (ROVIGO) E’ morto Luigi Andreasi a lungo segretario locale di Pci, Pds e Ds, prima di aderire al Partito democratico. Per anni era stato consigliere comunale

  • Nessuna multa del velox è stata ancora mandata a casa

    SAN BELLINO (ROVIGO) Tensione per la lettera anonima inviata al sindaco Aldo D’Achille e alla sua giunta, ma nessuna multa è stata ancora mandata a casa dei “colpevoli”

  • I democratici protesteranno davanti alla rampa del ponte 

    INFRASTRUTTURA ANAS ROVIGO I dem di Santa Maria Maddalena-Occhiobello, Stienta, Canaro, Fiesso Umbertiano, Pincara, Gaiba e Polesella sabato 7 aprile faranno volantinaggio informativo nei pressi dei semafori

  • Pd in cerca del buon governo, anche con delusi del centrodestra

    POLITICA ADRIA (ROVIGO) Federico Cuberli, segretario comunale dei Democratici, durante l’assemblea del 27 marzo ha parlato di alleanze per le prossime elezioni comunali. Il 6 aprile sarà presentato il programma e un candidato sindaco

  • Il Pd riparte dai sindaci 

    POLITICA PROVINCIA ROVIGO Aldo D’Achille primo cittadino San Bellino e Antonio Bombonato di Costa di Rovigo martedì 27 marzo sono stati invitati per un incontro con il vicesegretario reggente Maurizio Martina sulle proposte per il futuro 

  • "Pizzini e banconote per indirizzare il congresso": in sei a giudizio

    VELENI E QUERELE NEL PD A PORTO VIRO (ROVIGO) Accusati di diffamazione per le presunte irregolarità, che non sarebbero sussistenti, ma che avrebbero segnalato su documenti ufficiali dopo il congresso di Porto Viro dell'ottobre del 2013. A querelare, l'ex

Musikè Fondazione Cariparo 730x90 istituzionale - post evento