CULTURA PROVINCIA ROVIGO Il Comune guidato da Leonardo Raito ha ricevuto la qualifica nazionale dal centro per il libro, ora è invitato al salone internazionale del libro di Torino 

Polesella riconosciuta come città che legge 

Seren automobili affiliazione fino a dicembre 2017

Ha promosso molteplici iniziative culturali e politiche pubbliche di promozione della lettura, ora ricette un riconoscimento speciale: il Comune di Polesella ha ottenuto la qualifica nazionale di “Città che legge” 



Polesella (Ro) - Un importante riconoscimento per il settore culturale, per le associazioni, la biblioteca e tutti i lettori di Polesella la qualifica nazionale di “Città che legge” del comune. Dall'elenco pubblicato sul sito del Centro per il libro il Comune Polesella ha ottenuto la qualifica di Città che legge grazie alla candidatura inviata dall’amministrazione guidata da Leonardo Raito in risposta all’avviso pubblico lanciato a fine 2016 dal centro d’intesa con l’Anci.

L’obiettivo era individuare quei centri che garantiscono ai propri abitanti l’accesso ai libri e alla lettura – attraverso biblioteche e librerie – ospitano festival, rassegne o fiere che mobilitano i lettori e incuriosiscono i non lettori, promuovono iniziative congiunte di promozione della lettura tra biblioteche, scuole, librerie e associazioni e aderiscono a uno o più dei progetti nazionali del Centro.

È la prima volta che le amministrazioni comunali vengono direttamente coinvolte dal centro nell'attività di promozione della lettura. L'impegno da parte delle amministrazioni a svolgere con continuità sul proprio territorio politiche pubbliche di promozione della lettura, è infatti fondamentale per la crescita socio-culturale dei cittadini.

 

Il comune di Polesella si è candidato in virtù della presenza di biblioteche pubbliche sul territorio, quella comunale e quella delle scuole medie, ed in quanto ha ospitato rassegne culturali e ha partecipato a iniziative di promozione della lettura come gli Incontri con l'autore, il Maggio dei libri e Libri infiniti. 

“Questo riconoscimento premia le tante associazioni del paese, - esordisce soddisfatto il sindaco Leonardo Raito - l'attivismo delle amministrazioni che si sono succedute e la voglia di non rinunciare a occasioni che magari qualcuno sottovaluta, ma che hanno in realtà un profondo valore anche di costruzione di un senso di appartenenza alla comunità". 

Il Comune è stato invitato a prendere parte all'incontro sulla città che legge che si terrà il 21 maggio presso il salone internazionale del libro di Torino alle ore 17.30 in cui si parlerà del progetto e, in particolare, del Patto locale per la lettura e dei bandi che il centro intende lanciare per premiare i progetti più meritevoli in base a categorie da definire.

11 maggio 2017




Correlati:

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni