PARTITO DEMOCRATICO ROVIGO Angelo Zanellato presenta ricorso alla commissione di garanzia provinciale contro Julik Zanellato, Luca Boscarato e Marialaura Tessarin. Respinto

Fallisce il tentativo di espulsione dal Pd. Per ora

Bagno e Calore - Caminetti e Stufe

Presentato oltre i termini previsti: è la motivazione con la quale la commissione di garanzia del partito democratico provinciale, presieduta da Francesco Stocco, ha respinto il ricorso di Angelo Zanellato. Un ricorso presentato al fine di arrivare alla sospensione o espulsione dal partito di Julik Zanellato, Luca Boscarato e Maria Laura Tessarin, per il caso che li vide protagonisti della caduta del sindaco di Porto Viro, Thomas Giaccon. Angelo Zanellato: “Mi rivolgerò alla commissione regionale” 



Rovigo – Secondo Angelo Zanellato l’ex segretario del Partito Democratico provinciale, Julik Zanellato, insieme ai due piddini di Porto Viro, Luca Boscarato e Marialaura Tessarin, avrebbe “agito in difformità con una delibera approvata dal partito”, ovvero quella che stabiliva il sostegno all’amministrazione comunale, guidata dall’allora sindaco Thomas Giacon. I tre, infatti, secondo Angelo Zanellato, avrebbero infranto deliberatamente le indicazioni del partito procurando la caduta del sindaco eletto con il loro stesso simbolo. E così Angelo Zanellato ha presentato un ricorso alla commissione di garanzia provinciale del partito, presieduta da Francesco Stocco, chiedendo la sospensione o espulsione dal Pd dei tre militanti in questione.

Ma il ricorso è stato presentato troppo tardi. Questo è il verdetto della commissione che non si esprime sul merito, ma si ferma prima. I membri, infatti, hanno deciso di respingere il ricorso nonostante Angelo Zanellato avesse tentato si dimostrare che il ricorso era partito tardi a causa della documentazione reperita solo all’ultimo momento, e non per colpa sua visto che sosteneva l’impossibilità di avere accesso agli atti nei tempi corretti. Ma secondo la commissione non è riuscito a dimostrare con precisione quando i documenti gli siano stati messi in mano. Ma Angelo Zanellato ha deciso di non fermarsi al primo no, soprattutto considerando che si tratta di un no sulla burocrazia e non sul merito del ricorso, sul quale la commissione provinciale non è neppure arrivata a discutere. Presenterà infatti ricorso alla commissione regionale.

Intanto i due piddini di Porto Viro, Marialaura Tessarin e Luca Boscarato contravvengono alle nuove linee guida del partito, ma questa volta non si tratta di una presunta delibera, ma “solo” delle parole del segretario provinciale reggente Giuseppe Traniello che aveva chiesto ai suoi di non allearsi durante le elezioni comunali con liste vicine ad Alessandro Duò (LEGGI ARTICOLO). I due militanti di Porto Viro, invece, ufficializzano il loro sostegno alla candidata sindaco Maura Veronese, che avrebbe l’appoggio dell’imprenditore.

12 maggio 2017
Bancadria 468x60




Correlati:

Seren automobili affiliazione fino a luglio 2017