RUGBY ECCELLENZA Salvo novità dell’ultimo minuto sarà la stessa FemiCz Rovigo di gara 1 di semifinale ad affrontare il Petrarca Padova domenica 21 maggio allo stadio Plebiscito

Dema numero 8 al posto di Ferro

Matteo Ferro (a sinistra) a Padova verrà sostituito da Andrea De Marchi (a destra) nel ruolo di numero 8
Bancadria 730x90 Cna Rovigo

Formazione titolare blindata da Joe McDonnell e Jason Wright, unica variante nella casella numero 8, Matteo Ferro infortunato sostituito da Andrea De Marchi. Rodriguez pienamente recuperato, tutta la squadra gode di ottima salute. Stefano Bettarello, direttore sportivo della FemiCz Rovigo: “Padova in casa partirà a testa bassa, però giocare con il sangue agli occhi può essere anche rischioso, dobbiamo essere preparati”.

Venerdì di riposo per i Bersaglieri, sabato nel tardo pomeriggio la rifinitura, domenica cercheranno l’accesso alla finale scudetto, l’ennesima.
Leggi il conunicato di Viadana, Rovigo e Petrarca sul caso HIA
Leggi l'articolo sul procollo HIA (concussion)

Leggi la cronaca di FemiCz Rovigo - Petrarca Padova
Leggi l'articolo su Viadana - Calvisano

Leggi l’articolo sul Caso Paz
Leggi l’articolo sulle citazioni del Calvisano contro il Viadana
Leggi l'articolo sul ricorso del Calvisano respinto 

leggi l'articolo sulle crepe della sentenza del Giudice sportivo
Leggi il dispositivo sul caso Paz (Calvisano)
Leggi l'articolo sui biglietti di gara 2 Petrarca - Rovigo
Leggi l'articolo sugli arbitri delle semifinali di gara 2


Rovigo - Superata abbondantemente quota 1000 biglietti venduti in casa FemiCz Rovigo per la semifinale di ritorno del Plebiscito di domenica 21 maggio (ore 17). Prevendita che da lunedì ha avuto un’impennata dopo il match di andata del 6 maggio, con i Bersaglieri che arriveranno a Padova con un vantaggio non indifferente. 5 punti in classifica (casella immacolata invece per i tuttineri), +15 nel tabellone, ma i rossoblu non affronteranno la squadra di Andrea Cavinato per difendere il risultato acquisito al Battaglini, ne siamo certi. Formazione titolare blindata da Joe McDonnell e Jason Wright, come nel rush finale della scorsa stagione, zero sorprese. Unica variante nella casella numero 8, dal doppio allenamento di giovedì 18 maggio Andrea De Marchi sembra il più accreditato per sostituire Matteo Ferro, infortunato al gomito. Confermati gli altri quattordici titolari, a bordo campo Joe Van Niekerk e Peter Pavanello a seguire il lavoro dei compagni di squadra, ancora da definire probabilmente solo la panchina. Provati Biffi, Loro, Apperley, Cadorini, Balboni Bordonaro, Mantelli, Cicchinelli e Ortis, solo venerdì si saprà la completa definizione delle scelte dei tecnici neozelandesi, ma la notizia più importante è il pieno recupero di Luciano Rodriguez che sabato 6 maggio ha giocato un tempo solo, illuminando però il gioco dei Bersaglieri sotto il diluvio universale. Formazione titolare che sarà composta da: Basson, Torres, McCann, Majstorovic, Barion, Rodriguez, Chillon, De Marchi, Lubian, Ruffolo, Parker, Boggiani, Iacob, Momberg e Muccignat.

“Il derby è una partita a sé, è troppo particolare - spiega il ds Stefano Bettarello - soprattutto perchè siamo in una situazione anomala (riferendosi al vantaggio dopo gara 1), noi siamo più forti del Petrarca in generale come squadra, e siamo più esperti, però i tuttineri, a parte l’ultima parte della stagione, hanno giocato meglio di noi. Si tratta di vedere con questo braccio di ferro dove penderà la bilancia, se Rovigo gioca bene è più forte. Starà a noi adesso. Magari la battaglia può andare a Padova, il bersaglio grosso può andare a noi”.

Lo spirito è chiaro, zero tatticismi, si comincerà la partita come se fosse gara 1 “Bisogna andare là per vincere - continua il direttore sportivo rossoblu - e andremo là per vincere, non per essere arroganti, ma dovremo giocare come se in gara 1 avessimo vinto di poco. C’è la consapevolezza di questo, i nostri giocatori sanno cosa fare”. 

Una situazione inedita in viale Alfieri, di solito i playoff sono stati vissuti con estrema frenesia, invece in questi giorni c’è una tranquillità surreale, l’esperienza in questi casi ha il suo peso. Dal 2011 ad oggi, a parte una stagione, i Bersaglieri hanno sempre disputato la post season, un dato non proprio indifferente.  “Il sorriso era quello che ci serviva - spiega Bettarello - dopo una regular season al di sotto delle nostre aspettative, ma per analizzare la stagione aspetto la fine”. 

Ritornando al match di domenica, l’ex mediano d’apertura della nazionale vive la vigilia con la consapevolezza, che i Bersaglieri hanno dimostrato negli scontri diretti con il Petrarca, maggiore sostanza in tutti i reparti.

“Quando siamo andati a Padova in regular season abbiamo recuperato Stefan Basson nelle ultime ore prima del match, abbiamo realizzato due belle mete con azioni dei tre-quarti, ma li abbiamo dominati anche con la mischia, dobbiamo essere preparati a gestire entrambe le cose. Padova in casa partirà a testa bassa, però giocare con il sangue agli occhi può essere anche rischioso, dobbiamo essere preparati”.

Domenica alle 12 30 spazio al campo 1 del Battaglini alla squadra Cadetta del Rovigo, per festeggiare la vittoria del campionato di C2. In palio la Coppa Triveneto con il Valpolicella. Risolto nel frattempo la problematica con l’obbligatorietà delle Under in quota Cadetta, raggiunto il numero minimo di competizioni da disputare nell’arco di una stagione. 

Giorgio Achilli

 

18 maggio 2017




Correlati:

  • Doppia sfida in Giappone a giugno 

    RUGBY L’Italia affronterà la nazionale guidata da Jamie Joseph in due test-match in calendario sabato 9 e sabato 16 giugno. 

  • Quattro francesi ed un inglese per gli azzurri

    RUGBY SEI NAZIONI 2018 Ufficializzati i direttori di gara del prossimo torneo. Per l’Italia ci sono Mathieu Raynal, Romain Poite, Wayne Barnes, Jerome Garces e Pascal Gauzere

  • Quando cambiare nome è il meno

    RUGBY ECCELLENZA Coordinamento, tavolo, concertazione, tutte cose già viste. Rovigo e Padova ci provano, ma la Federazione sarà pronta a recepire il messaggio dei club

  • Doni ai giovani pazienti nel ricordo di Nicola

    RUGBY ROVIGO L’idea è stata dei genitori di Nicola Perin, il giovane atleta scomparso alla vigilia di Natale nel 2015. Un’auto piena di regali è partita con destinazione il Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Padova

  • Si tenta di riformare la Lega

    RUGBY ECCELLENZA ROVIGO Intanto nasce il coordinamento delle società del massimo campionato italiano, da Reggio Emilia decolla il progetto, Alberto Marusso nominato portavoce, come prima cosa si cambierà il nome del torneo

  • Nuovo piano strategico della formazione degli allenatori

    RUGBY Giocatori al centro dell’offerta didattica della Fir, quattro livelli di scuola per diventare allenatori, ma l’ultimo per l’abilitazione alle squadre nazionali o per le franchigie del Pro14 è su invito della Federazione

  • Borsari bloccata dal ghiaccio

    RUGBY SERIE B A Mirano il Badia (Rovigo) non riesce a giocare. Manto erboso ridotto ad una lastra di ghiaccio, troppo pericoloso per gli atleti. Match rinviato

Fondazione Cariparo Nuove Generazioni